Civita Castellana – Sarà un finale in grande stile quello che tra venerdì 27 e domenica 29 maggio riguarderà la rassegna culturale Halaesus, che ha registrato notevole successo proponendo un’interessante varietà di iniziative volte a valorizzare il territorio di Civita Castellana. 
Venerdì 27 maggio alle ore 21, nel chiostro della curia vescovile si terrà il concerto con intervista che avrà come protagonista il pianista e compositore Alessio Nelli. Stimato e affermato musicista, diplomato al Santa Cecilia di Roma e al CET di Mogol, vanta già collaborazioni di calibro internazionale e la certificazione del disco di platino come autore. L’incontro sarà moderato da Paola Angelelli e vedrà alternarsi sul palco vari ospiti, tra cui Angelina Mango, figlia d’arte ed emergente voce del panorama musicale italiano. Un viaggio tra musica classica, opera e canzone d’autore che testimonia la versatilità del musicista civitonico.

Sabato 28, nella sala della curia vescovile alle ore 18,00 l’architetto Ettore Racioppa terrà la conferenza dal titolo “Falerii Novi, Via Amerina e Forre”.  Dopo avere raccontato negli appuntamenti precedenti delle fondamentali arterie viarie Flaminia e Cassia, ricordando i viaggiatori che le hanno attraversate, Racioppa conclude occupandosi della via Amerina e delle notevolissime tracce di un antico passato ancora visibili e di grande fascino. Non poteva mancare un focus sulla cittadella falisco romana di Falerii Novi, nata proprio sull’Amerina e per più di un millennio importante centro del territorio, nonché sede vescovile. Da ultimo, la conferenza conterrà una rapida disamina della geomorfologia ambientale con la descrizione delle forre, serbatoio di specie arboree ed animali ancora poco studiate. Modera l’incontro Beatrice Manocchio. 
Infine, domenica 29 maggio alle ore 10,00 Luca Panichelli guiderà i partecipanti in quella che non sarà una semplice passeggiata culturale ma un vero e proprio viaggio nella storia lungo uno degli itinerari più belli, pittoreschi e ricchi di testimonianze archeologiche presenti in zona. Partendo da Falerii Novi e attraversando la via Amerina, dove sono visibili i resti delle antiche necropoli, ci si addentrerà all’interno di una tra le forre più belle e selvagge di questo territorio, concludendo poi la passeggiata nella maestosa Tagliata Fantibassi. 
“Halaesus è un progetto nato in questo 2022 – spiega il sindaco Luca Giampieri – ma non si fermerà qui. Abbiamo già in serbo di riproporre la rassegna in altre future edizioni, perché abbiamo riscontrato un ampio gradimento da parte del pubblico e intendiamo lavorare per migliorarla e incrementarla con iniziative sempre più interessanti. Credo si sia trattato anche di una bella vetrina per artisti e personaggi della cultura che sono nati nella nostra terra, pertanto invito tutti coloro che vorranno partecipare a non perdersi l’ultimo fine settimana di eventi che chiuderà la prima edizione di Halaesus”.

Articolo precedenteProceno, il 29 maggio la premiazione del concorso di Poesia ‘I borghi dell’Alta Tuscia’
Articolo successivoViterbo, studenti e pendolari: ‘Rivogliamo i nostri treni’