Sulla via principale, che da Viterbo porta a San Martino al Cimino, è stato appena realizzato un murale sulla base di un progetto dell’Associazione Italian Human Connection, in collaborazione con il Balletti Park Hotel. Si tratta di un’opera del muralist videographer statunitense, di fama internazionale, Gustavo Oviedo, nato in Francia da genitori argentini e cresciuto a Miami. Membro di una élite di artisti americani, Oviedo lavora in prevalenza con opere commissionate da Gallerie d’Arte, Università, Hotel di prestigio e facoltosi privati.

L’idea del murale è nata nell’ambito del progetto Bridge the Gap: Tuscia – USA, attraverso il quale l’associazione IHC intende commissionare murali o installazioni ad artisti statunitensi per costruire un ponte culturale tra la Tuscia e l’America del Nord. Tale ponte è sostenuto idealmente da opere d’arte che sono di per sé portatori di connessioni umane, veicolate da linguaggi universali.

Per Giulia Marchetti, Presidente di IHC, il murale di San Martino al Cimino è un omaggio alle relazioni umane che percorrono gli oceani per inseguire la vicinanza, la cooperazione e il rapporto d’insieme.

Infatti, secondo la sua personale interpretazione: “Le forme multicolori e poliedriche si avvicinano e a volte si toccano, pur mantenendo il rispetto degli spazi  e delle geometrie. Ognuno di noi può riconoscersi in una delle figure colorate che si allungano e nuotano nell’oceano cristallino delle relazioni umane, rappresentato idealmente dal profondo celeste del background”. Tuttavia, aggiunge la presidente, l’interpretazione dell’opera d’arte è di per sé sempre soggettiva, e ognuno può ammirare il murale secondo la propria chiave di lettura.

San Martino al Cimino è la seconda tappa europea di Gustavo Oviedo. Prima di arrivare a Viterbo, l’artista ha realizzato un murale sulla via principale del lungomare di Olbia, sotto l’occhio affascinato di passanti e turisti. Una grande conferenza stampa ha inaugurato l’opera alla presenza del sindaco Settimo Nizzi e della presidente della commissione cultura Simonetta Padre.

Gustavo Oviedo ha anche realizzato un murale nella hall del Balletti Park Hotel di San Martino al Cimino e ha avuto la possibilità di incontrare e conoscere la comunità di artisti locali grazie a Tuscia in Fiore che ha offerto, in occasione del Festival La Via degli Artisti, un spazio espositivo e una grande tela per una estemporanea.

L’incontro tra Giulia Marchetti e Gustavo Oviedo è avvenuto grazie a Lisa Morales, editor e proprietaria della rivista internazionale Live in Italy Magazine. Detta rivista è da tempo impegnata nella promozione del territorio della Tuscia e offre advertising per piccole e medie imprese locali che desiderano conquistare il mercato estero.

I viaggiatori stanno già apprezzando questa opera, posizionata proprio nell’area di sosta dei pullman turistici. Un selfie, o un scatto di gruppo davanti al murale, è per tutti i visitatori una nuova ed emozionante, cartolina.

Articolo precedenteUbertini: «A Monterazzano con il viceministro Morelli per trovare soluzioni alla problematica del ponte»
Articolo successivoElezioni amministrative e referendum abrogativo: informazioni utili in merito agli elettori fisicamente impediti a esprimere il voto