ACQUAPENDENTE – Partenza col piede giusto per il Teatro Boni di Acquapendente, che per la prima stagionale ha proposto “La verità nell’ombra” di Patrizio Pacioni, per la regia di Francesco Cinquemani. A rappresentarlo la Compagnia Stabile Assai del penitenziario romano di Rebibbia, composta da detenuti, alcuni dei quali in semilibertà.

 

Un pubblico davvero interessato, che ha compreso a fondo la valenza sociale del progetto, ha assistito con partecipazione. Del resto quella di aprire la stagione con il teatro sociale è stata una scelta precisa del direttore artistico Sandro Nardi, ricordata peraltro anche dal palco. A essere rappresentato il celebre processo di Viterbo a Gaspare Pisciotta, luogotenente di Salvatore Giuliano, da cui emerge un ritratto dell’Italia degli anni Cinquanta.

 

Tra i protagonisti attori-detenuti come Salvo Buccafusca, appartenente alla famiglia mafiosa di Pippo Calò, poi laureatosi in sociologia in carcere e oggi imprenditore edile; Francesco Rallo, detenuto ergastolano appartenente al clan mafioso di Partanna; Aniello Falanga, detenuto ergastolano appartenente al clan camorristico della famiglia Alfieri; Cosimo Rega, detenuto ergastolano noto per aver vinto con la regia dei Fratelli Taviani l’Orso d’oro al festival Berlino nel 2012 con “Cesare deve morire”; Giovanni Arcuri, noto narcotrafficante e oggi affidato ai servizi sociali; Daniele Arzenta, ex terrorista e oggi apprezzato pittore, allievo prediletto del maestro Baruchello; Renzo Danesi tra i veri fondatori della Banda della Magliana ed oggi operaio.

 

Prossimo appuntamento domenica 1 novembre (ore 17,30) con “Disorient Express” con Cinzia Leone e Fabio Moreddu. Per biglietti e ulteriori informazioni: www.teatroboni.it – 0763.733174 – 334.1615504.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email