VETRALLA – Nell’ambito degli incontri culturali promossi ed organizzati dal “Circolo dei Lettori” di Vetralla, Venerdì 30 ottobre 2015 alle ore 16.30 presso la Biblioteca Comunale “A. Pistella” di Vetralla, l’archeologa Micaela Merlino e Angelo Capuzzi terranno una conferenza dal titolo “La civiltà del gusto: cibo e cultura presso gli antichi Romani”.

 

L’argomento sarà illustrato prendendo come fonti primarie i testi letterari e le scoperte archeologiche, che anche in questo campo di studio hanno permesso di ampliare le nostre conoscenze. Si parlerà dell’alimentazione come specchio della civiltà romana in quanto i cibi maggiormente diffusi, nonché i modi e le occasioni, private e pubbliche, per mangiarli, sono fattori determinati dalle dinamiche storiche, politiche, economiche e religiose che interessarono nel suo complesso Roma antica e il suo impero. Per questo non si può parlare di alimentazione romana, ma di cultura del cibo in Roma antica.

 

Verranno illustrati gli alimenti più comuni e apprezzati che i Romani gustavano sulle proprie tavole, ma anche quelli più ricercati ed esotici che solo il ceto abbiente poteva permettersi; i diversi tipi di alimentazione dei vari gruppi sociali, determinati dalle gerarchie di appartenenza degli individui. Si parlerà della diversità del gusto a tavola rispetto all’ epoca contemporanea, e della differente ritualità inerente alla consumazione dei pasti. Saranno illustrati l’apoteosi del cibo utilizzato come status symbol dal ricco ma rozzo liberto arricchito Trimalchione, il gagliardo appetito di Marco Tullio Cicerone e le raffinatezze culinarie dei lunghi banchetti in casa di Licinio Lucullo. Ma verranno anche analizzate le motivazioni filosofiche e morali del parco mangiare del neo-stoico Lucio Anneo Seneca, e la nostalgia per la semplice alimentazione alla contadina come miraggio di un mos maiorum al tramonto, di cui ha lasciato memoria Catone il Censore.

Commenta con il tuo account Facebook