Venerdì 1 Febbraio 2019 alle ore 14.30 presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico “Paolo Ruffini” si terrà il 3° incontro della quarta edizione del progetto “A volte ritornano …”

A parlare della propria attività di ricerca – comunica il responsabile del progetto Prof. Alessandro Ercoli – sarà Matteo Duranti, ex studente del Liceo ed oggi Ricercatore all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) – sezione di Perugia. Oltre all’attività didattica presso il Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi di Perugia, Matteo svolge attività di ricerca sulla fisica delle particelle elementari nello spazio, nell’ambito di due progetti internazionali di ricerca:

AMS-02 (Alpha Magnetic Spectrometer – 02) è un rivelatore di particelle all’avanguardia, operante come un modulo esterno sulla Stazione Spaziale Internazionale a partire dal 19 Maggio 2011. Studia l’universo e la sua origine ricercando l’antimateria e la materia oscura tramite misurazioni precise della composizione e del flusso dei raggi cosmici. Le osservazioni dell’AMS-02 aiutano a rispondere a domande fondamentali, come “Che cosa costituisce la massa invisibile dell’universo?” o “Cosa è successo all’antimateria primordiale? 

DAMPE (DArk Matter Particle Explorre) è una delle cinque missioni satellitari nell’ambito del programma di ricerca strategica pionieristica nella scienza spaziale dell’Accademia delle scienze cinese (CAS). DAMPE è stato lanciato il 17 dicembre 2015 in un’orbita solare sincrona a un’altitudine di 500 km. DAMPE è un rilevatore di particelle per la misura di precisione della composizione e flusso dei raggi cosmici carichi (in particolare elettroni) e dei raggi gamma (fotoni di altissima energia).

Venerdì 1 Febbraio Matteo terrà dunque un seminario dal titolo “La Fisica delle particelle elementari nello spazio e la ricerca di materia oscura e antimateria primordiale” nel quale parlerà essenzialmente della sua attività di ricerca sia agli studenti delle classi V del Liceo Ruffini che a chiunque, studente e non, sia interessato alla scienza ed alla ricerca.

Matteo ha partecipato a tutte le edizioni del progetto “A volte ritornano…” sposandone sin da subito con generosità e determinazione le finalità tra le quali offrire sia una preziosa occasione di aggiornamento su alcune delle attuali linee della ricerca scientifica che un utile contributo per l’orientamento degli studenti.

 

Commenta con il tuo account Facebook