VITERBO – In occasione del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma e della nascita della CEE, l’Università degli Studi della Tuscia e il Dipartimento di Economia e Impresa (DEIM), con l’adesione dei corsi di laurea in «Scienze politiche e delle relazioni internazionali» e in «Economia aziendale», promuovono un seminario interdisciplinare dal titolo «La crisi e il futuro dell’Europa nel mondo globale : politica, economia, ambiente, sicurezza».

Il seminario si svolgerà giovedì 28 marzo presso l’Aula Magna di Santa Maria in Gradi (dalle ore 9,30 alle 13,00) e sarà aperto dai saluti istituzionali del Rettore Alessandro Ruggieri e del Direttore del DEIM Stefano Ubertini.

Dopo un filmato su «I Trattati di Roma e l’Unione Europea tra storia e futuro», la discussione sarà presieduta dal Prof. Giuseppe Garofano ed animata dagli interventi di Sante Cruciani (La crisi e il futuro dell’Europa nel mondo globale), Giulio Guarini (L’Unione Europea e la coesione sociale e territoriale), Barbara Pancino (Sviluppo sostenibile e ambiente : le potenzialità dell’Unione Europea), Cecilia Silvestri (L’Unione Europea e l’economia circolare), Michela Piccarozzi (Lo spazio europeo della ricerca e il ruolo degli spin-off accademici), Michele Negri (L’Unione Europea e le sfide della sicurezza).

Come specifica Sante Cruciani, in qualità di coordinatore del progetto di ricerca, il seminario è aperto agli studenti dell’Università della Tuscia, alle scuole superiori della città di Viterbo, alle rappresentanze delle scuole di formazione dell’Esercito e dell’Aeronautica, alle istituzioni locali, alle associazioni culturali e a tutta la cittadinanza.

Grazie all’adesione della Cattedra Jean Monnet del Prof. Maurizio Ridolfi, il seminario rappresenterà la prima di una serie di iniziative sul ruolo dell’Europa nel mondo globale, che si snoderanno lungo l’intero anno delle celebrazioni dei Trattati di Roma.