VITERBO – Presso la Sala Assemblee della Fondazione CARIVIT, a Palazzo Brugiotti è stata presentata alla stampa la terza edizione del progetto “OrientaMenti 2.0”, promosso dalla Fondazione Carivit, Palazzo Brugiotti, in collaborazione con fondazione Risorsa donna e CeFas – azienda speciale della Camera di Commercio di Viterbo.

Relatori Marco Lazzari, presidente dela Fondazione Carivit, Francesco Monzillo segretario Generale della CCIAA, e Claudia Costantini di Fondazione Risorsa Donna. Nel corso della conferenza presenti dirigenti e rappresentanti dei sette istituti aderenti all’iniziativa, sono state ampliamente illustrate le attività programmate con le Scuole, finalizzate ad offrire ai giovani frequentanti il V anno della Scuola secondaria di secondo grado una opportunità di orientamento in uscita e formativa on the job, attraverso il confronto con rappresentanti del mondo del lavoro, delle libere professioni e del mondo della ricerca.

“L’iniziativa – ha sottolineato Marco Lazzari – ha in se una forte rilevanza per dare la possibilità agli studenti di poter utilizzare una serie di strumenti, necessari per comprendere quale scelta intendono fare al termine del primo step scolastico, immergersi nel mondo universitario o scegliere una formazione lavoro”.

Francesco Monzillo ha voluto evidenziare come le linee programmatiche di questa attività vengono anche fatte con la collaborazione del Cefas e si delineano in due settori, la scelta del prolungamento del percorso di studio o l’avvicinamento al mondo del lavoro con lo sviluppo di competenze trasversali. La Camera di Commercio ha creduto sin dall’inizio a questo progetto che dalle 200 adesioni iniziali è passato alle quasi 700 adesioni di studenti di sette istituti partecipanti.

Negli anni passati, gli allievi, sono stati sottoposti a questionari di fine periodo mostrando un livello di gradimento alto. Evidenziate anche criticità e perplessità che spingono ad una naturale crescita.

Claudia Costantini ha illustrato come il percorso formativo e di orientamento individuale personalizzato, teso ad ampliare e rafforzare le competenze professionali acquisite durante il percorso di studi sia importante come acquisire conoscenze integrate per ampliare la capacità di agire, di scegliere e di decidere nella realtà con capacità organizzative e progettuali, nonchè resposanbilità e creatività. Prendere contatto con la realtà anche del mondo del lavoro, permette ai giovani di acquisire maggiore consapevolezza rispetto all’inserimento nella vita attiva attraverso la conoscenza delle problematiche del lavoro e degli strumenti utilizzati.

Indirizzare i giovani ad una scelta scuola lavoro con progetti mirati è importante ed essenziale per il futuro delle nuove generazioni.