Sabato 29 Agosto alle ore 17,30 nella Sala Consiliare del Comune, Il Centro Ricerche e Studi, con il patrocinio della Regione Lazio, del Comune di Ronciglione e della Banca Lazio Nord, – comunica Lavista Giuseppe  – ha organizzato la cerimonia per la presentazione del III volume della Collana Storica “Le Stamperie”: “LE CARTIERE DI RONCIGLIONE – LA MACCHIA GROSSA DI VICO”, della Dottoressa Lucia Maria Girelli e del Dottor Silvano Boldrini.

La Dottoressa Tiziana Ceccarelli, coordinatrice dell’evento, ha ringraziato i presenti per la partecipazione  e ha dato la parola al Professor Massimo Chiodi delegato alla Cultura del Comune di Ronciglione il quale dopo avere rivolto all’assemblea i saluti suoi personali, del sindaco Dottore Mario Mengoni e  della giunta, ha sottolineato la priorità e il preciso impegno assunto dal Comune per sostenere e promuovere  tutte le iniziative e  attività   volte  e alla conoscenza  e alla  divulgazione Storica e Culturale di Ronciglione.  Per un unico archivio storico documentale  è stata  prevista e identificata una sede.  Il  Professore Luciano Mariti, docente presso  l’università di Roma  La Sapienza, facoltà di Lettere e     Filosofia,   con professionalità e perizia  ha esposto in pochi minuti 5 secoli di storia di Ronciglione, catturando l’attenzione e l’interesse di tutti i presenti. Nel prendere la parola , la Dottoressa Girelli ha sottolineato l’importanza che nel tempo,  le Cartiere hanno rappresentato per l’economia e il benessere di molte famiglie e per l’intera comunità di Ronciglione. La storia di questo centro produttivo, si fa risalire al 1.300 e cessando ogni  attività tra il 1963 e il 1964. La Dottoressa Girelli ha messo in evidenza il processo produttivo , la fatica e i disagi degli operai. L’impegno nella ricerca dei documenti  ha avuto la  soddisfazione di avere presenti in sala persone che hanno vissuto in prima persona quelle esperienze, Luisa Altigieri, Emilio Contardo,Serafino Bertini, Antonietta Colonna, Franco Olivieri, Rosina e Gianna Bianchini,Ventura Sistoni,Marisa Chiossi, Agostina Olivieri per ricordarne alcuni senza dimenticare tutti gli Altri.

Nel presentare “La Macchia Grossa di Vico” il Dottor Silvano Boldrini sottolinea l’importanza del diritto a legnare,  prendere legna  conquistato dalla popolazione di Ronciglione  nel 1834, e la definitiva regolamentazione del così detto “abboccatore” che regola il deflusso delle acque del lago di Vico, tra il comune di Ronciglione e il comune di Caprarola.  L’autore con grande passione mette in risalto il riscatto del Popolo nei confronti  dell’antico potere nobiliare e politico. La legna e il carbone per riscaldare le Famiglie. L’acqua per irrigare orti e campi e  produrre benessere e utilità per tutta la Comunità.

Il Volume “LE CARTIERE DI RONCIGLIONE – LA MACCHIA GROSSA DI VICO”, nei ricordi e documenti,  costituisce una rara testimonianza del passato da tramandare ai posteri e alle future generazioni.