ACQUAPENDENTE – Un fine settimana tra danza e musica al Teatro Boni di Acquapendente: sabato 17 dicembre (ore 21) sarà sul palco la compagnia Atacama in “Cappuccetto Rosso. C’era una volta il lupo e la fanciulla”, uno spettacolo firmato da Patrizia Cavola e Ivan Truol, con Stefania Di Donato, Valeria Loprieno, Cristina Meloro e musiche originali di Epsilon Indi. Domenica 18 dicembre (ore 17.30) si terrà invece il concerto per organo e orchestra d’archi con il maestro Angelo Rosato e i Solisti dell’Umbria, che eseguiranno musiche di Haendel e Vivaldi.

Ispirazione di “Cappuccetto Rosso” è una delle fiabe europee più conosciute al mondo, della quale esistono numerose differenti versioni. Con una particolare attenzione alla trascrizione di Charles Perrault, gli autori, partendo dalla fiaba, intendono esplorare il contrasto tra il mondo luminoso e sicuro del villaggio e quello oscuro e insidioso della foresta. Andare nel bosco come metafora del percorso che ogni individuo deve affrontare per crescere, lasciando la sicurezza dell’infanzia per divenire adulto. Sviluppare il proprio essere attraverso il passaggio nella foresta del proprio lato oscuro e nel caso di Cappuccetto Rosso, nella profonda e oscura foresta della femminilità. Il concept vuole mettere in atto differenti sguardi sul racconto narrato dalla fiaba, rilevare varie sfaccettature dei personaggi, tre diverse Cappuccetto Rosso con caratteri e qualità differenti che reagiscono ognuna a modo suo al compito affidatagli dalla mamma e all’incontro con il lupo, determinando tre possibili differenti storie.

Nel concerto di domenica 18 risuoneranno i concerti per organo e orchestra di Haendel e “La Primavera” di Vivaldi. L’organista Angelo Silvio Rosati si esibisce regolarmente come solista, solista con orchestra, accompagnatore di coro e come membro di varie formazioni cameristiche, riscuotendo sempre notevole consenso sia di pubblico che di critica. Tra le sue numerose esecuzioni in Italia, Germania, Stati Uniti e Messico figurano i concerti al Festival dei Due Mondi di Spoleto, nella Madison Avenue Presbyterian Church di New York e, nel 2009, l’inaugurazione del prestigioso Festival d’Organo “Fernando Germani” nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli a Roma.

Espressione orchestrale di UmbriaEnsemble, i Solisti dell’Umbria sono una compagine orchestrale che raccoglie le migliori energie musicali umbre con particolare attenzione ai giovani. Al loro fianco, solisti di chiara fama e cameristi di alto spessore artistico che possono vantare esperienze e riconoscimenti considerevoli in ambiti linguistici classici ed innovativi. I musicisti sono attivi nei maggiori teatri italiani e si esibiscono in tournée in tutto il mondo.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email