La rassegna dove si usa un linguaggio esplicito che però fa molto ridere

Sul palco viterbese cinque protagonisti acclarati di un genere di intrattenimento abrasivo, soverchiatore delle regole sceniche. La quarta parete costantemente demolita sotto un fiume invadente di parole e concetti aspri, reali e indubbiamente divertenti, specialmente quando riguardano gli altri e non noi.

Giorgio MontaniniChiara BecchimanziLaura FormentiGiulia NerviStefano Rapone sono (in ordine di apparizione) i cinque performer che scalderanno la platea del Teatro San Leonardo di Viterbo, con i tre appuntamenti previsti per sabato 1, sabato 8 e sabato 15 ottobre, sempre alle ore 21:00.

Lo stand up nasce nei piccoli locali americani, con un monologhista che – senza scene o altri elementi che non siano un microfono – “aggredisce” il suo pubblico, affrontandolo anche senza sapere dove si andrà a parare, forte della propria capacità di improvvisazione. Con il passare del tempo e la crescita di successo, anche questo genere drammaturgico si è dato delle sue regole, la principale delle quali è che non ci sono regole che non possano essere trasgredite. Lo stand up comedian si pone davanti alla gente con un testo ben organizzato, ma si sente libero sull’onda del momento di variare, tagliare, selezionare, modificaree aggiungere quelle sensazioni che chi assiste – diverso ogni sera – riesce a trasmettergli, positive o meno.

Si possono enunciare massime sulla vita di coppia:
Sposarsi e lasciarsi hanno lo stesso principio: la ricerca di una felicità superiore – Giorgio Montanini.
Fare abbinamenti con esperienze personali:
Il mio compagno mi sopporta solo perché ha 13 anni più di me, ridiamo perché pensiamo che avrebbe potuto cambiarmi i pannolini, ridiamo meno quando pensiamo che io dovrò cambiarli a lui – Chiara Becchimanzi.
Confessare la propria vera o fittizia solitudine:
Io sono single praticamente da prima di nascere. Quando sono nata all’ostetrica è stato chiesto se ero maschio o femminaÈ single – Laura Formenti.
Affrontare la nascita di un figlio:
Le tette ce le abbiamo noi, il pupo lo dobbiamo sfamare noi, mentre l’uomo è cacciatore e predatore, è lui che va in giro a procacciare il cibo e le mignotte su Instagram – Giulia Nervi. 
Consapevolmente mettersi in discussione come artista:
Non ho preparato niente per stasera, non sono bravo a far divertire la gente, non sono quel tipo di comico, vorrei che moderaste le vostre aspettative per i prossimi 58 minuti – Stefano Rapone.

La rassegna Stand Up Comedy sarà sicuramente in grado di farvidiscutere, durante e dopo ogni spettacolo. Aspettatevi quello che non vi sareste mai aspettati, perché nulla è inviolabile. Tutto può entrare a far parte dello show. Anche voi, ma lo scoprirete solo quando vi sarete seduti e sarà troppo tardi: quindi godetevela!

AR SPETTACOLI – BISTROT DEL TEATRO SAN LEONARDO
in collaborazione con COMUNE DI VITERBO
presentano

Live from Comedian STAND UP COMEDY

GIORGIO MONTANINI, con UN UOMO QUALUNQUE, sabato 1° ottobre alle ore 21

CHIARA BECCHIMANZI – LAURA FORMENTI – GIULIA NERVI, sabato 8 ottobre alle ore 21

STEFANO RAPONE, con SPETTACOLO ANNULLATO, sabato 15 ottobre alle ore 21

Teatro San Leonardo, Via Cavour 9, 01100 Viterbo 
Per ulteriori informazioni: telefono 393.9041725 – 392.3018173
Prevendita online: circuito ticketitalia.com
Prevendite a Viterbo: Bistrot del Teatro (Via Cavour 9, a Viterbo. Tel. 392.3018173) – Underground (Via della Palazzina 1, a Viterbo. Tel. 0761342987).

Abbonamento per i tre spettacoli: 
https://bit.ly/3p01c8I

Biglietto per i singoli spettacoli:
Giorgio Montanini https://bit.ly/3QjtS7W 
Becchimanzi – Formenti – Nervi https://bit.ly/3d6ZwHE 
Stefano Rapone https://bit.ly/3QlmitC

Costi
Abbonamento per 3 spettacoli: 38 euro

Biglietto singolo spettacolo: 17 euro

Articolo precedenteMontefiascone, grande partecipazione alla Mostra del Fumetto
Articolo successivoLunedì a Ferento in scena “Il fu Mattia Pascal”