CIVITA CASTELLANA – Si svolgerà a Civita Castellana da maggio a ottobre 2015 la settima edizione del Festival Storie di Lavoro, promosso dall’Officina Culturale “Distretto/Creativo”, sostenuto dalla Regione Lazio e con il contributo del Comune di Civita Castellana. Il Festival Storie di Lavoro è un progetto dell’Associazione Percorsi con la direzione artistica di Ferdinando Vaselli che nasce nel 2007 dall’esigenza di dare risalto al mondo lavorativo nella sua complessità, ispirandosi alla bellezza estetica dei luoghi di lavoro per giungere alla sensibilizzazione della sicurezza sul luogo di lavoro. Il primo appuntamento del festival porterà domenica 31 maggio al teatro Florida alle 21,00 Ascanio Celestini con Racconti d’Estate.

 

“Storie di lavoro è l’unico festival italiano che porta il teatro, la musica e le arti visive nei luoghi di lavoro attivi – spiega il direttore artistico Ferdinando Vaselli – l’anno scorso abbiamo realizzato uno spettacolo alla Ceramica Flaminia a cui hanno assistito oltre 300 persone, un risultato straordinario che testimonia quanto le persone siano interessate ad “impadronirsi” dei luoghi di lavoro in modi non comuni, grazie al teatro e alla socializzazione, e parlando dei temi legati al lavoro.

 

Quest’anno il festival inizia con Ascanio Celestini, che dopo molti anni torna nei nostri territori. Una presenza particolarmente significativa per Storie di lavoro, visto che la mia idea di utilizzare la fabbrica è nata proprio lavorando fianco a fianco con lui nel 2001 alla Piaggio per un suo spettacolo dal titolo Fabbrica. Lo spettacolo che porterà al teatro Florida il 31 maggio, Racconti d’estate, è un puzzle sentimentale, politico, emotivo che mette insieme varie storie e racconti, diverso ogni sera perché tarato sulla platea che di volta in volta si trova di fronte. Mi auguro che verrà accolto con lo stesso entusiasmo riservato a tutti gli eventi del festival”.

 

Il festival Storie di Lavoro inizia il 31 maggio per poi riprendere a settembre con uno spettacolo del laboratorio teatrale Manufatti, il concerto di una banda i cui musicisti sono bambini e anziani e uno spettacolo di Valerio Aprea, uno degli attori della serie cult Boris e di molti altri film, il cui palcoscenico sarà all’interno della Ceramica Azzurra a settembre.

Commenta con il tuo account Facebook