L’AS.VO.M. di nuovo coinvolta in una manifestazione di cartello, come la Festa del Tricolore, che si svolta nelle giornate di sabato e domenica prima presso lo stadio delle Fontanelle, poi nei pressi del lungolago, in territorio di Montefiascone.

L’Associazione ha dimostrato, ancora una volta, come affermato dalla Presidente Claudia Ciampicotto, di essere molto affidabile, ben organizzata, professionalmente preparata ed altamente specializzata nell’offrire tutti i servizi che le vengono richiesti.
Superfluo ricordare l’alta professionalità dei volontari dell’Associazione, tale indiscussa efficienza è frutto di quel profondo impegno di tutti i volontari, ai quali deve andare il plauso di tutti, che mettono nel raggiungimento degli alti livelli di efficienza, grazie ai corsi di formazione che periodicamente sono obbligati a frequentare.

Nella giornata di venerdì pomeriggio, come ha riferito la Presidente del Consiglio d’Amministrazione, Claudia Ciampicotto, è stata montata la cucina mobile e le relative strutture nei pressi del palazzetto dello sport alle Fontanelle.

Sabato sono stati forniti, per il pranzo, circa cinquanta pasti, riservati ai soli operatori organizzatori ed ai Paracadististi. Quindi la rimozione totale di tutta la struttura per lo spostamento della medesima sul lungolago ove è stato tutto allestito nuovamente nei pressi della storica quercia, sulla proprietà Chiarini, in tempi veramente esemplari.

Nella mattinata di domenica, fatti gli ultimi ritocchi logistico/organizzativi, intorno alle dieci, è ripresa l’attività culinaria per la fornitura dei circa cento pasti per il pranzo, gratuito allo staff degli organizzatori ed ai paracadutisti; su pagamento, per i famigliari dei medesimi.

Il menù, elaborato dallo staff dei cuochi AS.VO.M., era stato concordato tra la direzione della cucina e gli stessi organizzatori della manifestazione.

In queste due giornate di piena attività, l’AS.VO.M. ha messo contemporaneamente in campo ben tre squadre di volontari: una in cucina, una in collaborazione con la Polizia Locale per l’ordine pubblico ed una operante nell’attività logistica/opertiva dei vari servizi.

Con le risorse umane, sono state impiegati anche alcuni mezzi di supporto: ovviamente la cucina mobile, quindi il camper con le funzioni di spogliatoio e servizi igenici, un fuori strada ed una panda con relativi carrelli per il trasporto dei materiali, il gruppo torre faro con il suo potente generatore elettrico per l’illuminazione notturna e quale fonte di energia elettrica, un camion cisterna carico e pronto, per attività di antincendio qualora fossero sorte.

«Due giornate di fuoco – ha affermato il coordinatore logistico, dell’AS.VO.M., Tonino Fiani, – che ci hanno messo a buona prova, però, senza il minimo dubbio di smentita, la prova è stata superata alla grande, nel migliore di modi, come è stile dell’AS.VO.M. e come l’associazione è in grado di fare, tenendo conto che siamo abituati a ben altro tipo d’impegno con la fornitura di circa cinquecento pasti all’ora. Siamo fieri di quanto abbiamo fatto e credo, senza ombra di dubbio, che gli organizzatori della manifestazione siamo rimasti più che contenti dei nostri servizi. Esprimere un grazie, anche a nome dell’intero Consiglio di Amministrazione dell’AS.VO.M., a tutti i volontari coinvolti, lo ritengo doveroso e necessario».

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email