Il giorno 11 Ottobre segnerà l’inizio del quinto e penultimo meeting internazionale del Progetto KNOTS –  Knowledge Not Skepticism!, finanziato dal programma “Europa per I cittadini” dell’EACEA al Comune ungherese di Repashuta. Il Progetto, dalla durata di 24 mesi, ha avuto inizio nell’agosto 2018 con il primo incontro internazionale a Castiglione in Teverina, per poi continuare a Vila Nova de Cerveira (Portogallo), a Ivancna Gorica (Slovenia) e a Herrera del Duque (Spagna). Questo quinto evento si terrà invece a Deryneia (Cipro) e avrà una durata di quattro giorni.

Le delegazioni che parteciperanno a questo quinto meeting sono: Repashuta (HU),Bükkszentkereszt (HU),  Castiglione in Teverina (IT), Mellihea (MT), Herrera del Duque (ES), Wieliszew (PL), Balkanu Zields (LV), Development center of Vojvodina (RS), Panevezys (LT) e Deryneia (CY).

L’obiettivo del Progetto è quello di analizzare e contrastare il concetto di Euroscetticismo e il rapporto tra diversi Paesi europei, con particolare riferimento alle prospettive delle nazioni presenti e al rischio di Euroscetticismo in ogni Paese coinvolto, con ampia circolazione di idee.

“Per la nostra Municipalità è un onore essere Applicant di un Progetto simile volto a contrastare il sentimento euroscettico che è sempre più diffuso nella nostra società. Abbiamo avuto modo di vedere, negli scorsi meeting di KNOTS, quanto sia proficua la discussione sui temi Europei, che riguardano tutti noi, e come sia efficace il dibattito ed il confronto per l’apertura a delle nuove prospettive. L’obiettivo che noi, congiuntamente ai nostri partner, ci eravamo prefissati di raggiungere, era proprio quello di creare un’Europa unita al di là dei sentimenti divisori, che fungesse da spunto per ulteriori patti di amicizia e collaborazione.”

Il Sindaco del Comune ospitante di Deryneia, Andros Karayiannis, ha dichiarato: “Siamo davvero molto felici di poter contribuire con la nostra ospitalità alla buona riuscita di questo Progetto.

Crediamo fermamente in un’Europa unita, al di là dei sentimenti negativi, che sappia coniugare collaborazione e solidarietà e che funga da punto fermo. Spero che la nostra città di Deryneia sappia regalare a tutti i delegati una piacevole e ricca esperienza di multiculturalità e che tutti potremo lavorare in un clima accogliente.

Questa esperienza ci insegnano quanto sia importante la partecipazione a livello europeo per le piccole comunità e quanto sia necessario il dialogo e la comprensione di differenti punti di vista. Spero che Deryneia, e tutti gli altri comuni che hanno ospitato e che ospiteranno KNOTS, possano fungere da esempio per altre piccole comunità che vogliono integrarsi in questo contesto multiculturale e dare inizio ad attività simili che garantiscano un futuro per l’Europa e per i suoi cittadini.”