VITERBO – Questa sera, 17 febbraio ore 21.00, torna una delle manifestazioni più antiche del Carnevale: il Bucèfere di Grotte S.Stefano che affonda le sue radici in tempi remoti. Ogni Martedì Grasso i Carnevalotti, i giovani del paese nascosti sotto tuniche e cappucci bianchi, sfilano per le vie del paese per ritrovarsi tutti in piazza dell’Unità ad evocare lo spirito del Carnevale il “Bucèfere”.

 

Prima, però che il suo corpo venga arso sul rogo nella piazza principale del paese sotto gli occhi di tutti i presenti ponendo fine alle festività, egli legge il proprio Testamento. Un divertente excursus sulle avventure e soprattutto disavventure degli abitanti di Grotte S.Stefano. Cenni, ovviamente, anche alla politica locale e nazionale. Il tutto è letto dal Bucèfere in versi cadenzati e scritti completamente in dialetto.

 
Nell’edizione 2015 del Carnevale Grottano, alla lettura del Testamento nella serata del Martedì Grasso, si è aggiunto con grande successo l’appuntamento di domenica 15 febbraio con la mostra concorso in collaborazione con la scuola elementare Pio Fedi di Grotte. Una giornata trascorsa all’insegna del divertimento e dei giochi popolari oltre ovviamente la proclamazione del bambino vincitore del concorso che avrà la possibilità questa sera di salire sulla loggia comunale insieme al Bucèfere durante la lettura del suo testamento.
L’appuntamento è dunque per questa sera ore 21.00 in Piazza dell’Unità a Grotte S. Stefano vi aspettiamo numerosi.

 

Commenta con il tuo account Facebook