Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – La prima uscita dei carri carnevaleschi nel pomeriggio di domenica, ha avuto un grande successo e molti apprezzamenti sono venuti dalla moltitudine delle persone presenti allo spettacolo. Era qualche anno che sul colle falisco non si festeggiava il carnevale con tanta pomposità e mai si era veduto tanto entusiasmo sia negli organizzatori che tra i presenti. Va riconosciuto dire che l’Associazione per il Carnevale, nata da poco, alla sua prima esperienza, ha superato se stessa ed è andata al di là di ogni aspettativa. La grande soddisfazione, per il successo riscontrato, si leggeva sul viso del presidente Massimiliano Pedretti, del suo vice Andrea Benedettucci e del segretario Stefano Paoletti.

 

Un’Associazione di poche persone che vuole coinvolgere tutto il mondo giovanile locale; persone piene di entusiamo, molto volenterose di far bene, di fare qualcosa per vivaccizzare il paese di Montefiascone che, a dire il vero, negli ultimi tempi, al di la di qualche manifestazione di cartello, non sfruttando al meglio le sue potenzialità, non è che brilli per grandi iniziative culturali-turistico-popolari di rilievo, capaci di attirare tanta gente sul colle.

 

Tutto è stato possibile, ci ha confidato il Benedettuccci, grazie al patrocinio elargitoci dall’Amministrazione Comunale che, non solo non si è tirata indietro, ma ha subito accolto le nostre proposte e ci è venuta incontro come meglio ha potuto e per questo le siamo grati. Non dobbiamo poi dimenticare i molti sponsor che ci hanno sostenuto con il loro contributo; come pure non possimo dimenticare la neonata Pro Loco, della quale siamo tesserati e che ci ha dato tutta l’assistenza sotto il profilo logistico-amministrativo. Questo connubio, sponsor Pro Loco, ci ha consentito di allestire i carri e quindi realizzare la manifestazione per questo carnevale duemilaquindici. I numerosi gruppi mascherati, poi, hanno dato un tocco di ulteriore vivacità alla manifestazione, aggiungiamo noi.

 

Il carnevale, nel suo insieme, non aveva un tema preciso tuttavia ogni carro grande aveva un suo titolo: Il primo carro, all’inizio della sfilata, era dedicato a Re Carnevale, il secondo era titolato “Le Lego”, il terzo “Aladin superstar”, il quarto “Gallicomio”, il quinto “Pinocchio”. Vi erano pi di carri minori intercalati con i grandi tra i quali segnaliamo: il Macellaio, L’Ambulanza, Lupen, la Banda Bassotti, il Politico e din fine i Pagliacci. E necessario essere presenti per gustare di persona lo spettacolo e sperimentare dal vivo la suggestività che proviene dalla manifestazione.

 

Per l’occasione sono stati consumati ben quindici quintali di coriandoli messi a disposizione dell’Amministrazione Comunale e tanti altri se ne consumeranno nella seconda edizione che andrà in scena domenica prossima, quindici febbraio alla stessa ora e sullo stesso percorso. Da non tralasciare il valido servizio di sopporto musicale Raff Records di Alessandro e Franco Pagliaccia. Alla fine della manifestazione, la società addetta alla raccolta dei rifiuti solidi urbani ha provveduto, immediatamente, alla pulizia dell’intero percorso. Appuntamento a domenica prossima!?

Commenta con il tuo account Facebook