VITERBO – Lunedì 4 maggio, dalle ore 09.00 alle ore 13.30, si svolgerà presso la Sala Regia Comunale, in Piazza del Plebiscito a Viterbo, nell’ambito del festival del Volontariato 2015, un convegno dal titolo “Oltre Noi – Prospettive di vita per persone con disabilità nella Tuscia – Esperienze di residenzialità, lavoro e legislazione” con lo scopo di affrontare le problematiche del durante e del dopo di noi, di esaminare la situazione nel territorio della Tuscia e di presentare alcune esperienze che in Italia operano già da molti anni.

 

Il Convegno è organizzato dal Comitato Promotore della Fondazione Oltre Noi che, costituito il 22 maggio del 2014 da 13 Associazioni di Volontariato che si interessano di disabilità e comunque di disagio sociale (Associazione Amici di Franco Di Marco, Associazione Amici di Galiana ONLUS, Associazione Cuore di Mamma ONLUS, Associazione del Lazio Sindrome X fragile ONLUS, Associazione Eta Beta ONLUS, Associazione Familiari e Sostenitori sofferenti psichici della Tuscia ONLUS, Associazione Italiana Persone Down – Sezione di Viterbo, Associazione per la Vita Autonoma, Associazione Romana Laziale per l’affidamento familiare ONLUS – Sezione di Viterbo, ASD Sorrisi che Nuotano Eta Beta di Viterbo ONLUS, ASD Vitersport ONLUS, Associazione Viterbo con Amore ONLUS, Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS, Sezione di Viterbo), oltre la Consulta Provinciale della Disabilità, si propone di arrivare in tempi brevi alla costituzione di una Fondazione di Partecipazione che si chiamerà “Fondazione Oltre Noi”. La Fondazione avrà come obiettivo quello di dare una certezza di continuità alle persone disabili nel momento in cui queste non potranno più ricevere sostegno da chi, fino a quel momento, li ha aiutati ad affrontare ogni tipo di difficoltà.

 

Il Convegno ha ottenuto il patrocinio della Regione Lazio, della Prefettura di Viterbo, della Provincia di Viterbo, della Città di Viterbo, della Azienda Unità Sanitaria Locale di Viterbo e dell’Università degli Studi della Tuscia. Il Convegno, nell’affrontare le problematiche del durante e dopo di noi connesse alla disabilità fisica, psichica e sensoriale, cercherà di focalizzare l’attenzione sugli aspetti teorico-operativi e su quello legislativi, con uno sguardo alle prospettive per il territorio della Tuscia. Sarà anche l’occasione per presentare alcune importanti testimonianze di esperienze già operanti sul territorio nazionale.

 

I lavori saranno aperti dal Vescovo di Viterbo, Mons. Lino FUMAGALLI, dal Sindaco di Viterbo, Ing. Leonardo MICHELINI, e dal Presidente della Consulta Comunale del Volontariato, Dr. Marco CIORBA, che daranno anche ufficialmente il via al Festival del Volontariato 2015, che vedrà il mondo del Volontariato impegnato in una settimana di lavori che si concluderà, come tradizione, domenica 10 maggio con la XI edizione della “Città a colori”.

 

Interverranno, in qualità di relatori, il Dr. Antonio PANICHELLI ed il Dr. Alessandro PARIS, Neuropsichiatri Infantili dell’Unità Operativa Semplice Interdistrettuale Disabile Adulto della AUSL Viterbo, il Dr. Stefano FAUSTI, Educatore Professionale presso la AUSL Roma A, l’Onorevole Rita VISINI, Assessore Regionale alle Politiche Sociali e Sport della Regione Lazio, l’Onorevole Ileana ARGENTIN, Membro della Camera dei Deputati e primo firmatario della proposta di legge sul “Dopo di Noi”, il Prof. Andrea CANEVARO, Professore Emerito di Pedagogia Speciale presso l’Ateneo di Bologna, il Dr. Fabio COMMUNELLO, Fondatore della bioFATTORIA Sociale “Conca d’Oro” di Bassano del Grappa, il Prof. Francesco BARALE, Direttore del Dipartimento di Scienze del sistema nervoso e del comportamento presso l’Università di Pavia, il Dr. Augusto BATTAGLIA, Presidente della Comunità “Capodarco” di Roma, ed il Dr. Claudio COLA Vice Presidente Regionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

 

A conferma dell’importanza dell’evento, il Convegno ha avuto il fondamentale sostegno economico da parte della Fondazione CARIVIT, dalla Banca di Viterbo Credito Cooperativo, dalla GIOMI R.S.A., dal Consorzio “Il Cerchio” e dalla Cooperativa “Gli Anni in Tasca”, tutti fin dall’inizio al fianco dl Comitato nel perseguire l’ambizioso progetto. Il Convegno sarà integralmente tradotto in simultanea nella Lingua Italiana dei Segni.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email