VITERBO – Ancora un grande successo per “La Calza della Befana più lunga del mondo”, manifestazione che da ben 14 anni proietta la Città dei Papi verso la festività dell’Epifania.

 

Anche in questa occasione quindici Fiat 500 del Tuscia Club, accompagnata dalle note della banda di Grotte Santo Stefano, hanno fatto da motore ad una calza lunga 52 metri (riempita con palloni gonfiati, sacchi di carta e tanti doni per i più piccoli), accompagnata da ben 100 “befane” di ogni età per le vie del centro storico, in un tragitto di circa 2 km.

 

La simpatica carovana, guidata dal presidente del Centro sociale Pilastro, Luciano Barozzi, è partita come sempre da piazza San Sisto intorno alle 15.30, ed ha proseguito in via Garibaldi, via Cavour, piazza del Plebiscito, via Ascenzi, piazza dei Caduti, via Cairoli, piazza San Faustino, via Signorelli, viale B. Buozzi e via A. Volta, per terminare la sua “corsa” in via Minciotti, presso la sede del centro polivalente Pilastro.

 

Un evento, questo, che si è rinnovato nel segno della tradizione; all’inizio della salita di via Cairoli, infatti, le Fiat 500 hanno abbandonato momentaneamente la calza, per recarsi direttamente in piazza San Faustino. A condurre l’enorme calza in cima alla via ci hanno quindi pensato le befane, che armate di forza e volontà si sono cimentate nella spettacolare impresa.

 

In un clima di festa, musica e suoni di clacson si sono mescolate alle risate e agli applausi dei presenti. Per tutto il percorso, fino all’arrivo alla Parrocchia del Sacro Cuore, sono state centinaia le persone affollatesi attorno alle befane: chi per prendere al volo qualche caramella, chi per farsi una fotografia. Tutti, però, con la voglia di stare insieme e di vivere per un momento la magia dell’Epifania.

 

Tanta gioia e spensieratezza, dunque, ma anche solidarietà. Il ricavato derivante dalla vendita delle calze piene di dolciumi sarà infatti devoluto in beneficenza a scopo umanitario, in favore delle adozioni a distanza dei bambini del terzo mondo.

 

[nggallery id=66]

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email