FABRICA DI ROMA – Il nostro autore Mariano Ghirighini (foto) per anni dirigente scolastico del plesso di Fabrica di Roma, con la passione dello scrivere in versi, in un senso, e sognatore dall’altro, alla continua ricerca della perfezione formale, ormai alla quarta esperienza con il volume: Quelle nostre stagioni, non finisce di stupire.

 

Come tanti ricorderanno le opere precedenti, esaurite e quasi introvabili rappresentano il percorso naturale di chi affronta un tragitto poetico letterario, con una prima esperienza di approfondimento, poi la sintesi e poi ancora la malinconia dei ricordi. La prima raccolta di poesie era titolata: D’amore e d’altro ancora; Il tarlo e il cuore; Parole mai dette, e ora: Quelle nostre stagioni, che l’autore presenta al teatro tenda di Fabrica di Roma, domenica 10 maggio alle ore 18.30 con la benedizione della Caritas locale e dell’Amministrazione comunale.

 

Il luogo della presentazione è capiente, giovanile e accogliente, vivace, se vogliamo e l’invito a partecipare è allargato a tutti: ex alunni, docenti, discenti, amici ed estimatori avendo il Ghirighini un grande bacino di consensi e stima. Tra l’altro non sarà quello di domenica 10 maggio l’incontro per dare sostegno all’autore e ascoltare meramente la recitazione delle poesie, ma uno spettacolo nello spettacolo: Silvia Ghirighini pianista ha scelto le musiche e le eseguirà con valentia a lei congeniale.

 

Il nostro fine poeta Ghirighini ha superato nel tempo, vari concorsi di poesia vincendone numerosi. Alcune riviste specializzate hanno ospitato i suoi versi, come del resto figurano in antologie qualificate. Nel suo curriculum figurano la laurea honoris causa in letteratura moderna, per l’attività poetica. L’insegnamento, prima, e vincitore di concorso a Preside e, dopo dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Fabrica di Roma concludono la sua carriera. Per mantenere i contatti con i suoi estimatori amici e conoscenti il nostro poeta non disdegna essere contattato all’indirizzo E-Mail ghirighinim gmail.com.

 

Nestore

Commenta con il tuo account Facebook