VITERBO – Giobbe Covatta, Moni Ovadia, i Pink Floy Legend, un classico della danza, “Il lago dei cigni”, Gianfranco Jannuzzo, Debora Caprioglio e la prosa on testi di Pirandello, Plauto, Sofocle, Svetonio e Camus nell’antico teatro romano e, in più, sette spettacoli nell’area delle terme per la sezione “Tramonti”.

Questo, in sintesi, il cartellone della 52ª edizione teatrale estiva di Ferento organizzata dal Consorzio Teatro Tuscia, che si è aggiudicato il bando del Comune di Viterbo, con la direzione artistica, come ormai accade da molti anni, di Patrizia Natale e la collaborazione (per “Tramonti”) delle associazioni culturali Archeotuscia e Tusciae20 di Viterbo., Nel pieno rispetto della tradizione si tratta di cartellone di grande spessore, con ben diciotto appuntamenti dal 16 luglio al 9 agosto. Uno sforzo organizzativo non indifferente con il supporto della Regione Lazio e dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) di Viterbo, nell’intento di dare ulteriore visibilità ad un sito archeologico distante una manciata di chilometri da Viterbo.

Il 18 luglio sarà Giobbe Covatta ad aprire la stagione teatrale mettendo in scena il manoscritto di una versione “apocrifa” della “Divina Commedia” firmato da tal Ciro Alighieri del quale è rimasto solo l’”Inferno” che mostra macroscopiche differenze con la più nota versione dantesca, “La divina commediola”, scritto in una lingua più simile a quella della poesia napoletana che al volgare toscano.

Il 20 luglio toccherà a “Uno nessuno centomila”, tratto dal classico romanzo di Luigi Pirandello nell’interpretazione di Enrico Lo Verso per la regia di Alessandra Pizzi. Il 25 luglio in scena “Caligola. Homme abusurde e homme révolté” da Svetonio e Camus, regia e coreografia di Aurelio Gatti. Il 27 luglio proprio a Ferento debutterà “Il racconto dei luoghi, La cantata della grecità” con musica dal vivo che vedrà in scena uno straordinario Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante. Seguirà il 29 luglio una serata di danza proposta da Spellbound Contemporary Ballet, un team internazionale fondato e diretto dal coreografo Mauro Astolfi. Il 1° agosto sarà la volta di “Tango Historias De Amor” con la Compagnia argentina di tango. Il 3 agosto andrà in scena la commedia “Alla faccia vostra” testo di Pierre Chesnot intepretato da Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio per la regia di Patrick Rossi Gastaldi. Grande appuntamento il 4 agosto con i Pink Floyd Legend, la più importante tribute band italiana dei Pink Floyd, in concerto con lo spettacolo “Summer tour 2017”. Il 5 agosto in scena “Antigone”da Sofocle interpretato da Antonio Salinas e Barbara Bovoli per la regia di Livio Galassi. Altro classico il 7 agosto, “L’avaro” tratto da Plauto nell’interpretazione di Edorado Siravo con la regia di Nando Sessa. L’8 agosto appuntamento conclusivo nel teatro con il balletto “Il lago dei cigni” proposto dalla Compagnia nazionale Raffaele Paganini con coreografie di Luigi Martelletta.

Per “Tramonti a Ferento” l’apertura è prevista il 16 luglio con “Il flauto magico” di Mozart interpretato dalla Compagnia Opera Extravaganza con la direzione di Luigi De Filippi. Nell’area terme si proseguirà il 22 luglio con il cantattore Nicola Dragotto con “L’ultima causa”<,il 23 luglio con"Ferento, un'escursione sonora nel dominio del tempo" con Stefano Pontani (chitarra) e Marco Guidolotti (sax) composizioni interamente originali, basate sulla sonificazione dei dati geofisici registrati proprio sul sito archeologico. Il 26 luglio sarà la volta del jazz con "Sunset" con Enrico Mianulli 5Et. La parte finale di "Tramonti" sarà interamente dedicata a Luigi Pirandello in occasione delle celebrazioni per i 150 anni della nascita. Tre gli appuntamenti: il 30 luglio il concerto "Una nessuna centomila note" con Giancarlo Necciari e Giuseppe Rescifina; il 6 agosto "Don Luigi e la Tuscia. La jella e altri guai" da "La patente" e "L'uomo dal fiore in bocca", adattamento di Giuseppe Rescifina, una mise in espace con Angelo Borgna e lo stesso Rescifina; il 9 agosto "Pirandello, amore e follia a Soriano nel Cimino", conferenza performance con Giuseppe Rescifina e Simonetta Pacini.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email