VITERBO – Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, Palazzo dei Priori si illumina di arancione. Per celebrare l’importante ricorrenza internazionale, venerdì 25 novembre, alle 17,30, è in programma lo spettacolo Bruciata viva – Suad, vittima della legge degli uomini.

Ad illustrare l’evento e le altre iniziative che ruotano attorno ad esso è stata questa mattina la consigliera alle pari opportunità Daniela Bizzarri, insieme al vice sindaco Luisa Ciambella e all’assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi. Con loro, Elisabetta Irrera, curatrice dello spettacolo, Elisa Anzellotti, danzatrice e coreografa che si esibirà in danze mediorientali alternate alla narrazione, Silvia Santagata, attrice, nel ruolo di una funzionaria di un’organizzazione umanitaria, e Antonello Battellocchi, cantante musicista, figura maschile all’interno dello spettacolo. “L’evento – ha spiegato Elisabetta Irrera – si ispira all’omonimo testo letterario dell’autrice Suad, giovane donna cisgiordana che narra, in prima persona, con semplicità ed efficacia, la sua storia, fatta di violenza e sopraffazione, ma anche di rinascita e libertà. Il testo, di grande intensità e bellezza, evoca una realtà vicina geograficamente e temporalmente, ma lontana culturalmente, che va a toccare le corde più profonde del nostro vissuto, per ognuno diverso, che ci accomuna in un sentire che anela alla libertà dell’essere umano, uomo o donna che sia. In virtù di questo sentire ho deciso di realizzare questo spettacolo, credendo profondamente nella necessità di liberarci da ogni forma di violenza”.

Al termine della performance seguirà un dibattito-riflessione tra gli attori dello stesso spettacolo e le autorità cittadine: il sindaco Leonardo Michelini, il prefetto Rita Piermatti, il questore Lorenzo Suraci, il pm Paola Conti e il primo dirigente della Polizia di Stato – Questura di Viterbo Marina Contino. “La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne è stata istituita nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite – ha ricordato la consigliera Bizzarri durante l’odierna conferenza a Palazzo dei Priori -. Questo nostro evento vuole essere un’occasione di riflessione, confronto e soprattutto un momento da dedicare a tutte le donne vittime di violenza. Dovremmo omaggiarle ogni giorno e tenere sempre alta l’attenzione su questa tematica. Sono oltre cento i casi di femminicidio registrati nel 2016, in media uno ogni tre giorni. La fascia più colpita è quella che va dai 25 a 54 anni. Dati allarmanti. Abbiamo l’obbligo di promuovere iniziative di sensibilizzazione. La Regione Lazio ha stanziato dei fondi per sostenere progetti contro la violenza sulle donne; l’Anci, per il secondo anno consecutivo, si è posto l’obiettivo di valorizzare le esperienze realizzate a livello comunale per contrastare tale piaga sociale: proprio a questo proposito darà ampia visibilità a livello nazionale agli eventi di sensibilizzazione messi in campo dai vari comuni italiani. Il nostro palazzo comunale, a conclusione dello spettacolo, si illuminerà di arancione, colore adottato in tutto il mondo per celebrare questa giornata”.

“Il neo presidente nazionale Anci Decaro in più occasioni ha speso parole su questa delicata tematica – ha sottolineato il vice sindaco e membro del direttivo nazionale Anci Luisa Ciambella -. Ringrazio la consigliera Bizzarri che da sempre, non solo con questo suo ruolo, porta avanti battaglie a favore delle donne e contro la violenza in genere. Noi donne, cresciute in ambiti familiari con una piccola componente di sudditanza nei confronti delle figure maschili, dobbiamo tutelarci direttamente, ma anche incidere sulla formazione e sull’educazione dei nostri figli”. In linea con le parole del vice sindaco, l’assessore alla cultura Delli Iaconi, che ha ricordato un’iniziativa in particolare portata avanti dalla consigliera Bizzarri contro la violenza sulle donne. “Daniela Bizzarri non si limita a proporre semplici incontri – ha spiegato l’assessore – ma punta sulla produzione di eventi, testimonianze dirette che arrivano al pubblico. Ricordo la performance al teatro san Leonardo con il generale Garofano ex comandante dei Ris di Parma. Anche questa volta, con pochissime risorse, grazie alla professionalità e alla sensibilità dei protagonisti dello spettacolo di venerdì, ha messo in piedi un altro evento, che sono certo verrà ricordato per l’alto spessore culturale, artistico, e, non ultimo, sociale”. L’iniziativa rientra tra gli appuntamenti promossi dal Comitato nazionale Italia Un Women.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email