MONTEFIASCONE – “Io sono come un albero, sto con i piedi per terra…”, cantano i bambini del plesso scolastico di Zepponami. I quali hanno allietato la mattina degli anziani di Villa Serena. Struttura sociosanitaria di proprietà comunale che ha festeggiato la Festa dell’albero.

In rappresentanza della proprietà c’erano il sindaco Massimo Paolini, l’amministratrice delegata Elisabetta Ferrari e la consigliera Carla Mancini: “Occorre rispettare le piante. Per questo, c’è anche una legge per il rispetto dell’ambiente, che è vita. Serve una corretta politica su quest’argomento. L’amministrazione comunale sarà e è vicina all’ambiente: rispettare le piante è un segno di civiltà”. Il sindaco termina il suo breve discorso ringraziando la dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Anna Molinaro (l’edificio scolastico vicino al piazzale Roma), Anna Grazia Pieragostini, le maestre del plesso di Zepponami (dalla prima alla quarta elementare), le assistenti e le educatrici di Villa Serena “che organizzano con passione e professionalità queste giornate, in cui gli anziani ospiti interagiscono con i bambini. Con beneficio degli uni e degli altri”.

Dopo il discorso del sindaco, i bambini hanno iniziato la recita. Bambini che hanno l’alloro in testa: alcuni anziani spiegano il significato dell’alloro: “Una volta, alle persone importanti veniva regalato l’alloro”. I bambini seguono le spiegazioni e giocano: gli anziani ospiti godono del momento di allegria portato dai piccoli alunni. Un’anziana spiega il significato del fico: “Nella mitologia greca, il fico voleva dire potere. Chi lo aveva era rispettato”.

Inoltre, un ospite parla dell’olivo: “Gli atleti delle olimpiadi erano premiati con l’olivo. Che era e è anche simbolo di pace: si ricordi la Domenica delle palme”. Un altro ospite della casa di riposo legge il significato della Quercia: “Simbolo di virtù, forza e coraggio”.

Mentre bambini e nonni continuano il dialogo, l’amministratrice delegata Ferrari saluta e ringrazia tutti per la collaborazione. Una bella giornata di educazione all’ambiente e di ampio significato sociale e assistenziale per gli ospiti della struttura sociosanitaria.