Giorgio Sestieri

BASSANO ROMANO – La giornata della memoria quest’anno si fa in due. Dopo l’appuntamento bassanese, a cadenza ormai annuale, a ridosso del 27 gennaio (data di commemorazione della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz – Birkenau), su richiesta dei fiduciari del plesso, la commemorazione si terrà anche alla scuola media di Oriolo Romano.

Il 30 gennaio prossimo, quindi, in tutte e due le scuole, facenti parte lo stesso istituto comprensivo, diretto dalla Dirigente Zega, si terranno altrettante conferenze.

In quella bassanese di Via San Gratiliano vi sarà – dopo quella dell’anno passato – il prof. Giorgio Sestieri del progetto memoria della comunità ebraica di Roma mentre in quella oriolese – che si terrà presso i locali del centro anziani – i relatori saranno due: lo stesso Sestieri ed il Dott. Giovanni Battista Squario che curerà la parte relativa alla comunità ebraica di Viterbo.

“Il progetto proposto sulla Shoah – afferma Caterina Manoni – è un progetto importante che coniuga necessità storiche, culturali e non ultimo necessità sul programma scolastico. Quando lo scorso settembre il consigliere Boldorini – insieme ad altri sportivi – ha riproposto questo appuntamento – continua la vicaria della “Luigi Pellegrini”- il consiglio lo ha accettato immediatamente. Dopo l’esperienza molto positiva dello scorso anno, infatti, era nostro obbligo riproporlo ai ragazzi, rendendolo di fatto una tappa strutturale. Un sentito grazie al professo Sestieri sempre molto disponibile”.

“Quando abbiamo saputo di questo progetto – esordisce Marco Zannarini della “Venerini di Oriolo” – ci siamo interessati subito cercando di coinvolgere gli organizzatori, portando il progetto anche qua da noi.

Sul tema, infatti, – prosegue Zannarini – abbiamo avviato a scuola una settimana di approfondimento e di studio per avvicinarci alla giornata della memoria che culmineranno con la conferenza del 30 Gennaio.

Il nostro istituto ritiene di fondamentale importanza in questo periodo storico di trasmettere alle nuove generazionali il ricordo delle persecuzioni e dello sterminio del popolo ebraico insieme a quello dei deportati nei campi nazisti con lo scopo di conservare nella memoria gli eventi seppure crudi e dolorosi di un periodo recente della storia del nostro paese.

Un ringraziamento – conclude Marco Zannarini – al commissario del Consorzio delle biblioteche comunali di Viterbo, Paolo Pelliccia, per averci fornito il contatto del Dott. Giovanni Battista Squario, relatore della conferenza sul tema della comunità ebraica di Viterbo e al Comune di Oriolo Romano per averci messo a disposizione le strutture comunali dove svolgere l’incontro.

Un sentito ringraziamento anche all’ideatore del progetto Alfredo Boldorini ed al professor Giorgio Sestieri del progetto memoria”.

Progetto Memoria sulla Shoah

 

Commenta con il tuo account Facebook