BASSANO ROMANO – La Polizia entra nelle scuole bassanesi. L’iniziativa, ideata dal consigliere comunale Alfredo Boldorini, con il consueto, valido, sostegno del vice preside Luca Tofani e dei suoi collaboratori, ha portato venerdì scorso alcuni rappresentati delle forze dell’ordine negli istituti secondari di Bassano Romano.

Personale del gabinetto della Questura e della Sezione Postale di Viterbo ha fatto visita agli studenti dell’Itis per sensibilizzarli su importanti temi come l’educazione alla legalità, il rispetto delle regole, alcuni episodi di vita quotidiana visti da dentro la Questura, studio di alcuni stralci del codice di procedura penale, la normativa sull’omicidio stradale, le conseguenze sul guidare sotto l’effetto di droga o alcol, la resistenza ad un pubblico ufficiale, l’arresto in flagranza di reato, ecc.

La sezione postale, di contro, in considerazione della platea degli adolescenti e fruitori del web e dei social, ha posto l’accento sui rischi che si possono incontrare navigando in rete, sui crimini informatici, sugli illeciti penali ed amministrativi rientranti nella vasta e complessa materia delle comunicazioni, sul bullismo e cyberbullismo.

L’intervento è stato molto apprezzato con i ragazzi, assoluti protagonisti e partecipativi, attenti dal primo all’ultimo minuto.

“Anche questo progetto sulla legalità, sicurezza, i rischi del web, bullismo e cyberbullismo – ha esordito il vice preside Luca Tofani – ha avuto un notevole successo. I ragazzi hanno avuto la possibilità di ascoltare dalla viva voce dei rappresentanti delle forze dell’ordine alcuni temi di scottante attualità. L’evento ha avuto una grande ricaduta sociale e didattica e di questo ringrazio ancora una volta per la sua opera l’instancabile consigliere comunale Alfredo Boldorini, con cui si è stabilita una proficua e duratura collaborazione, il personale della Questura e della Sezione Polizia postale di Viterbo per il fattivo contributo apportato al nostro istituto tutto”.

“Siamo molto felici – ha detto il sostituto commissario Claudio Patara – che il nostro intervento abbia contribuito a portare nuove conoscenze tra i banchi di scuola. La Polizia di Stato è da sempre impegnata in questo ambito teso a rilanciare forme di contrasto alla violenza, a combattere le forme di reato giovanile, a sostenere la sicurezza e la legalità. Ringraziamo gli studenti per l’attenzione mostrata e gli organizzatori per averci invitato a Bassano Romano”.

“Questo progetto – ha puntualizzato Alfredo Boldorini – è nato per dare agli studenti un percorso formativo di educazione alla legalità, di sicurezza in generale, di rispetto delle regole, di prevenzione di alcuni fenomeni che li riguardano da vicino nella vita di tutti i giorni come il bullismo ed il cyberbullismo. Ringrazio i ragazzi per l’attenzione, il vice Preside Luca Tofani per la consueta professionalità, il gabinetto della Questura nella persona del sostituto commissario Claudio Patara con il quale abbiamo avuto modo di collaborare lo scorso anno, in occasione di Sport in piazza, portando la Lamborghini a Bassano Romano, l’assistente capo Ludovico Nardocci e la sezione Polizia Postale nella persona dell’assistente capo Federico Croce per l’istruttiva mattinata trascorsa tra i banchi di scuola”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email