Vincitori Mini Festival 2016

 

VITERBO – “Il Mini Festival di Viterbo è “tornato a casa”, nella Sala Polivalente Sacra Famiglia, per una delle edizioni più belle di sempre, forse la migliore in assoluto!
Un weekend di grande musica (il 2, 3 e 4 dicembre), con giovani talenti che si faranno strada su palchi più importanti… almeno, glielo auguriamo!!

Il tutto, organizzato magistralmente dall’Associazione “Omniarts”, con il patrocinio ed il contributo del Comune di Viterbo, in collaborazione con Tuscia in Jazz, Viterbo con Amore e Rovers Music Production.

Il lavoro della grande giuria di qualità – qualificatissima e variegata, formata da 13 elementi e presieduta dal nostro grande tenore, Antonio Poli – è stato veramente improbo; in ogni caso, alla fine, qualcuno doveva pur vincere, ed è toccato ai seguenti giovani artisti:

Cat. 6-11 anni:
1. Gaia Di Giuseppe (11 anni, Roseto degli Abruzzi), con il brano “Ho creduto a me” (L. Pausini);
2. Letizia Passini (10 anni, Fabrica di Roma), con il brano “L’amore è un’altra cosa” (Arisa);
3. Matteo Lupi (9 anni, Formello), con il brano “50mila” (N. Zilli).

Cat. 12-15 anni:
1. Alisia Lucignani (15 anni, Civitavecchia), con il brano “What a wonderful world” (L. Armstrong);
2. Beatrice Zoco (12 anni, Roma), con il brano “Bound to you” (C. Aguilera);
3. Marco Boni (12 anni, Avezzano), con il brano “Stella cadente” (Modà).

Cat. 16-20 anni:
1. Luca Petronilli (18 anni, Civitavecchia), con il brano “Say something” (C. Aguilera);
2. Alessandro Bruni (18 anni, Civitavecchia), con il brano “I see fire” (E. Sheeran);
3. Andres Pacheco (20 anni, Bassano Romano), con il brano “L’essenziale” (M. Mengoni).

Tutti i ragazzi sopra elencati hanno ricevuto il trofeo con l’esclusivo logo del Mini Festival di Viterbo.

I primi tre classificati delle categorie dei medi e dei grandi potranno partecipare, gratuitamente, al Masterclass di canto 2017 del Tuscia in Jazz Festival.

I vincitori delle tre categorie potranno usufruire degli studi di registrazione della Rovers Musica Production; il primo della categoria intermedia, avrà l’accesso diretto alla serata finale del “Tuscia talent voice 2017”.

È stata un’edizione equilibratissima e con un livello medio “televisivo”..
… sono tutti bravissimi, anche nella categoria dei “piccoli”: di “Mini”, questo concorso, ha solo il nome…
… le ragazze sono state protagoniste dal punto di vista numerico, se non altro per motivi fisiologici…
… ma i pochi ragazzi hanno portato a casa la maggior parte dei piazzamenti…
… pochissimi “viterbesi” iscritti…
… in compenso, abbiamo avuto concorrenti – e che concorrenti – da tutto il Lazio, dall’Umbria e dall’Abruzzo…
… Le canzoni scelte sono state tutte molto impegnative: a giudizio di molti, un po’ più di italianità non guasterebbe!

La serata finale è stata una vera e propria maratona musicale, di tre ore e mezza, ma tutti hanno convenuto che il tempo è scorso veloce, senza mai cadute di livello!

Gli ospiti sono stati – volutamente – pochi ma buoni e hanno impreziosito una serata, già di per sé, traboccante di talento.

Davide Valeri ha messo bene in evidenza le sue doti cantautorali di livello superiore alla media; e chissà che non escano fuori impreviste collaborazioni con giovani interpreti di questo Mini Festival…

La giovane Sara Rossi – italo francese – ha presentato il brano “Moi seule”, con il quale i produttori della Rovers Music (Angelo De Luca e Bruno Milioni) contano di fare strada nel mercato discografico d’oltralpe…

Il vocal coach e cantautore Alex Parravano, presente in giuria, ha rispolverato il primo brano che ha scritto, quando aveva solo sedici anni…

Il duo di presentatori formato dai giovani Giulia Anesini (cantante) e Stefano Fapperdue (alias mago Stefanclod) ormai è rodato e piacevolissimo!

Come sempre, c’è stato anche spazio per la solidarietà, con l’intervento di Gianni Selvaggini (Vice Presidente di “Viterbo con Amore”) e Paola Massarelli (Presidentessa dell’ADMO di Viterbo) che, presi dall’entusiasmo, hanno invitato i tre vincitori del Mini Festival a prendere parte agli eventi natalizi delle rispettive associazioni, invito che è stato accettato senza esitazioni.

Da parte dell’Associazione Omniarts – presente sul palco nelle persone di Pierluigi Alberti, Fabio Barili e Paolo Moricoli – un particolare ringraziamento va a Roberto Anesini che, come di consueto, ha curato la parte tecnica del concorso e ad Antonello Giovanni Budano (leader dei Costa Volpara), ormai sempre più a suo agio nel ruolo di “angelo custode” dei concorrenti.

Ringraziamo di cuore, inoltre, gli sponsor che hanno reso possibile la manifestazione: Ceramica Flaminia, Gruppo Servizi Ambientali, Veteres, P.S.A., Siderplast, e Pizzeria “Il Monastero”.

Per quest’anno è tutto… la prossima, sarà la 20° edizione… bisognerà pensare a qualcosa di ancora più grande!”

Associazione OMNIARTS

Commenta con il tuo account Facebook