MONTEFIASCONE – Presso la sala Martino IV°, sede dell’Enoteca Provinciale, alla presenza degli assessori Rita Chiatti e Paolo Manzi e degli artisti Claudio Miami, studioso di cinema, teatro e letteratura, direttore della testata OutOutMagazine, Mauro Malagrande, scenografo teatrale e cinematografico, Maria Concetta Borghese, danzatrice e coreografa, Abdayem Aziz Moussa, professore d’Accademia e incisore, nel pomeriggio di oggi, alla presenza di un pubblico specializzato in materia, molti esperti locali in questa materia, è stata presentata la prima edizione del M.A.F.(Montefiascone Art Festival) promosso dalla Società Sportiva Lazio in affiancamento all’Officina d’Arte OutOut, con il patrocinio del Comune di Montefiascone, Assessorato allo Sviluppo del Territorio ed Eventi.

Un festival definito nella brochure di presentazione come progetto culturale vivo, dove non si vuole solo intendere la cultura nella quale viviamo, ma a raggio più ampio, tutte quelle culture, le loro memorie, tradizioni, e utopie che nell’accezione della globalizzazione vanno ad interscambiarsi in nuove relazioni sociali.

Un festival, descritto nella brochure, come un insieme di eventi, di relazioni ed esperienze, appartenenze e identità. Nella comunicazione, così come nelle relazioni, cresce il bisogno di interattività. L’evento è fatto di narrazione, presenza fisica e scambio.

L’ex carcere di Montefiascone, si farà terra libera, sovvertendo la propria originale destinazione d’uso per lasciare ai visitatori orme di storia e di società. Le celle divengono occhi vivi, quelli degli artisti, che nel loro interno, attraverso la propria espressione d’arte, racconteranno vita e accadimenti di alcune tra le persone più importanti della nostra storia. Ogni cella verrà trasformata in una storia, raccontandone dall’interno le linee portanti Ci sarà una cella dedicata ad Alda Merini, una a Rchard Dadd, una ad Aldo Moro, una Sacco e Vanzetti e tanti altri.

Vi saranno celle, all’interno delle quali si avranno dei monologhi teatrali, altre dove, grazie alla presenza di proiettori, si avranno racconti filmici, in altre ancora si vedranno storie raccontate attraverso la danza ed, infine, altre dove pittori e scultori useranno i colori e la materia per raccontare.

Questa prima edizione si terrà nei giorni 9, 10,15,17, del settembre prossimo; nel frattempo verrà realizzato un documentario sulla città ed il M.A.F., realizzato dal regista Report (RAI3) Raffaele Manco, utilizzato per la promozione turistica e culturale dell’intero Comune. Ci sarà anche la realizzazione di un Catalogo d’Arte su Montefiascone. Catalogo che, poi, verrà utilizzato dalla SS. Lazio come strenna natalizia del corrente anno per la promozione turistica dell’intero comune.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook