CANEPINA – Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti parteciperà domani a Canepina alla cerimonia per ricordare le vittime del bombardamento aereo che colpì il paese il 5 giugno del 1944, causando 115 morti.

Il corteo partirà alle 17,45 da piazza Garibaldi e, dopo una sosta in via Porta Piagge per visitare i quadri realizzati nel 2004 dai ragazzi della scuola media, giungerà in piazza 5 giugno (rinominata così 3 anni fa) dove, alla presenza dei familiari delle vittime e dei sopravvissuti alle bombe, è in programma la messa officiata da don Gianni Carparelli e, a seguire, la commemorazione civile. Oltre a Zingaretti, parteciperanno il consigliere regionale (ed ex sindaco di Canepina) Enrico Panunzi, il primo cittadino del centro cimino Aldo Maria Moneta e Riccardo Poli, presidente del Comitato dei familiari delle vittime.

“La data del 5 giugno – dice Moneta – è per noi carica di significato, è stato il giorno più triste della nostra storia non solo recente. Il mio sincero ringraziamento va al Presidente Zingaretti che ci onora della sua presenza e al consigliere Panunzi, che si è speso in prima persona perché il Governatore fosse qui. Panunzi, del resto, durante tutto il suo mandato da sindaco e anche dopo si è sempre prodigato per mantenere viva la memoria di questo giorno e far si che le giovani generazioni non dimentichino. Un pensiero anche al lavoro infaticabile del Comitato dei familiari delle vittime che ogni anno organizza nei minimi dettagli questa ricorrenza, e al Comitato di Santa Corona. Spero che, come del resto avviene sempre, la partecipazione dei cittadini sia massiccia”.