VITERBO – Iniziato anche nella Tuscia il conto alla rovescia per lo Slow Food Day, la manifestazione promossa dal movimento fondato da Carlo Petrini in programma sabato 8 aprile in oltre 300 piazze italiane per celebrare il cibo buono, pulito e giusto.

Quest’anno i riflettori sono puntati sulle scelte quotidiane, perché ciascuno può decidere quale cibo prediligere, quali alimenti acquistare e come alimentarsi, nel rispetto della salute e dell’ambiente. Scegliere ciò che mangiamo è un gesto inconsapevolmente referendario, perché diciamo sì o no a uno stile di produzione, di distribuzione, di sfruttamento della terra. Qualcosa che non può essere guidato solo dal 3×2 o dalla fretta di portare qualcosa in tavola. Un momento della nostra quotidianità che merita più attenzione perché troppe sono le ricadute, sia per il presente sia per il futuro, che provoca.

L’iniziativa, organizzata da Slow Food Viterbo e Tuscia, è nel centro storico di Viterbo a partire dalle ore 10 e per tutta la giornata in piazza delle Erbe dove tornerà il mercato contadino dove trovare le eccellenze dei piccoli produttori locali: Valentini (pomodori, farina, olio), Ass. O.r.t.o. (farina e ortofrutta), Mani in terra (miele, olio confetture), Podere Grecchi (vino), Pacchiarotti (vino), Gioacchini & Gioacchini (olio), Lorenzo Brandi (ortofrutta), Il Molinaccio (ortofrutta), Lino Catalano (vino), Gelart (gelato artigianale), Podere dell’Arco (lavanda, olio e confetture) e tanti altri che festeggeranno con noi in piazza.

Nel pomeriggio poi, a partire dalle ore 16.30, sono in programma le degustazioni guidate:
laboratorio didattico per bambini sulla pasta fatta in casa a cura di Chiara Porcari di “Risto sulla Via”;
presentazione in anteprima assoluta del Trapasquino, tramezzino fatto con un pancarrè alla pizza di pasqua farcito con prodotti locali, a cura di Laura Belli di “I Giardini di Ararat”;
focaccia con la coppa, con Marco Ceccobelli dell’Agriturismo “Al Casaletto”;
presentazione del Pamparito di Vignanello, caratteristico pane che ha recentemente ricevuto il riconoscimento della DECO, con Ezio Gnisci del ristorante “Il Vicoletto 1563”;
presentazione in anteprima assoluta della Lamponella, tisana a base di foglie di lamponi dalle ottime proprietà salutistiche, con Massimiliano Biaggioli dei Lamponi dei Monti Cimini;
presentazione del Pane di San Martino, pane morbido alle olive o alle noci, con Maurizio Grani del ristorante “Il Moderno”;
la (ri)scoperta dell’acquacotta, a cura di Enrico Pasquinelli del ristorante “Da Benedetta”;
aperitivi mixology show: raccontare una tradizione in un cocktail, appuntamento a cura di Manfredi Samperi di “Al77”;
Laboratorio di gelato artigianale a cura di Gelart

Inoltre alla sala Alessandro IV del Palazzo Papale in piazza San Lorenzo, nell’ambito del Premio Città dei Papi organizzato dal Caffè letterario di Viterbo, ciclo di incontri-dibattito sui temi legati al cibo, ambiente e gusto. Si comincia alle ore 16,30 con Vincenzo Ferrara, fisico climatologo, su “Come cambia il clima e il gusto del cibo”. A seguire alle 17 laboratorio del gusto “Cosa c’è nel piatto?”, a cura di Claudia Storcè, presidente di Slow Food Viterbo e Tuscia. Infine alle ore 18,30 Anna Maria Vittoria Garzillo, docente di Biochimica, Enzimologia e Biochimica Industriale all’Università degli Studi della Tuscia parlerà di “Aspetti nutrizionali di una corretta alimentazione”.

Al termine si propone di cenare in una delle Osterie della Tuscia inserite nella Guida di Slow Food Editore o al Burbaca Viterbo, in piazza Giuseppe Verdi, dove Salvo Cravero presenta per la prima volta a Viterbo la Chicago-Viterbo Pizza A/R, rivisitata utilizzando alcuni prodotti locali di eccellenza: Susianella Viterbese (presidio Slow Food), patate dell’Alto Viterbese Igp, finocchietto selvatico di Tarquinia.

E per concludere la giornata dalle ore 22,30 appuntamento, soprattutto per i giovani, “Al77” in via di San Pellegrino, dove sarà possibile assaggiare i cocktail a “km zero” preparati per l’occasione da Manfredi Samperi: I sapori della Pasqua, l’elisir dei Monti Cimini e il Brocktail.

Per domenica 9 aprile proponiamo una piacevole passeggiata all’agriturismo “La Bicoca” dedicata a “La ricchezza delle erbe di campo spontanee”, che saranno raccolte lungo il tragitto e degustate a pranzo, una sorta di lezione-racconto guidata dall’esperto forestale Rocco Sgherzi (per informazioni e prenotazioni: Costanza, tel. 329.9228657).

Si ricorda che in occasione dei festeggiamenti per lo Slow Food Day per chi si associa o rinnova la tessera a Slow Food in omaggio la Guida Osterie d’Italia 2017.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email