VITERBO Dal 22 giugno al 1° luglio dalle ore 19 alle 24 torna a Viterbo lo Slow Food Village, il festival ecogastronomico in programma in piazza dei Caduti (Sacrario), la grande area pedonalizzata della città di Viterbo.

Il tema di questa sesta edizione è “Il cibo buono, pulito e giusto salva il mondo”, in linea con le indicazioni emerse dal Congresso in Cina di Slow Food International e con quanto promosso dai Ministeri dei Beni Culturali e delle Politiche Agricole dedicato all’Anno del cibo italiano.

A tal proposito sono previsti incontri con esperti del settore su tematiche care a Slow Food ai diversi aspetti della cultura dell’alimentazione, alla tutela ambientale e alla valorizzazione dei produttori e delle loro eccellenze.

La manifestazione si presenta come un villaggio in cui i visitatori possono trascorrere la serata prendendo parte agli oltre 150 appuntamenti in programma tra incontri e dibattiti, laboratori del gusto, percorsi sensoriali, street food, ristopizza slow, enoteca, oleoteca, birroteca, scuola di cucina, laboratori per bambini, show cooking, area mercatale, pic-nic urbano. Una vera e propria kermesse rivolta a famiglie, produttori, enogastronomi, ristoratori, educatori e formatori, docenti universitari, persone interessate al benessere alimentare e alla salute, ambientalisti, rappresentanti istituzionali, esponenti di associazioni datoriali, sindacali e culturali.

Tantissimi gli ospiti, tra volti noti ed esperti del settore, che hanno deciso di non mancare a questo appuntamento tra cui: il presidente internazionale degli enologi Riccardo Cotarella; i personaggi televisivi Anna Moroni e Giorgione; i sommelier Alessandro Scorsone e Maurizio Filippi; gli chef Iside De Cesare, Salvo Cravero e Danilo Ciavattini; l’ex rugbista Andrea Lo Cicero; il giornalista Paolo di Giannantonio; il presidente della Comunità di Capodarco don Franco Monterubbianesi; i gemelli Bozzaotra, produttori di insetti commestibili, l’autore televisivo Giampaolo Trombetti; il presidente di Slow Food Italia Gaetano Pascale.

Inoltre, grazie all’Associazione Italiana Sommelier di Viterbo, sono in programma incontri didattici sull’abbinamento cibo-vino. E poi degustazioni guidate con esperti assaggiatori e show cooking, la presentazione di libri dedicati al cibo e la consegna di premi sull’olio come Evolove a cura di Diana De Santis e la guida La Tuscia dell’Evo di Carlo Zucchetti.

Tra le novità di quest’anno l’attenzione dedicata ai bambini ogni giorno a partire dalle ore 19 alle 22 con le lezioni di cucina, il laboratorio creativo su cibo e arte a cura del “Giardino di Filippo”, lo spettacolo degli artisti di strada del “Circo Verde”. C’è poi un nuovo spazio interamente dedicato ai produttori dove potranno promuovere i loro prodotti e far conoscere le loro attività.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email