VITERBO – Stay in Tuscia e Spinning Tuscia Event 2018 insieme per la solidarietà. L’associazione viterbese di case vacanza, bed & breakfast, dimore d’epoca e locazioni turistiche ha aderito alla grande maratona nazionale di spinning, giunta alla quarta edizione, che si terrà a Viterbo il 18 marzo 2018 nel Centro Fitness 2ToBe in strada Tuscanese Km 1, manifestazione sportiva di primissimo livello nazionale che vede la partecipazione dei più grandi istruttori dello Spinning Program. L’evento avrà uno scopo benefico a favore dell’associazione viterbese Beatrice Onlus, no profit nata nell’aprile 2006 a tutela e sostegno delle donne colpite da tumore della mammella.

Beatrice è il nome di una donna che ha vissuto coraggiosamente la sua giovane esistenza ed è nel suo ricordo che questa associazione vuole diffondere la cultura della prevenzione. Stay in Tuscia ha sposato questa causa e offrirà ai partecipanti della maratona uno sconto del 10 per cento sul pernottamento nelle sue strutture e darà un proprio contributo in denaro.

Lo Spinning® è il primo autentico programma di indoor cycling nato negli Usa. Ideato e creato da Jonathan Goldberg, in arte Johnny G. per prepararsi alla Race Across America, trova le sue basi nel ciclismo professionistico e mira a ricreare in un ambiente interno andature e veri e propri allenamenti che ricalcano quelli che sono eseguiti dalle squadre ciclistiche. Fispin Academy A.s.d. è l’associazione sportiva dilettantistica che promuove lo Spinning ® Program sul territorio italiano attraverso l’organizzazione di formazione ed eventi, grazie ad un team di professionisti e appassionati che creano una vera e propria community.

L’evento vivrà tre momenti di vera adrenalina con tre ride da un’ora ciascuna con inizio alle 15 e precisamente:

1° ride: Italian spinning team Fabio Massimo Bellucci con l’Italian spinning team Fabrizio Putano

2° ride: Italian spinning team Riccardo Santoni con l’Italian spinning team Ciro De Simone

3° ride Master instructor Francesco Sivieri con l° Master instructor Giuseppe Meglio.

Commenta con il tuo account Facebook