TARQUINIA – Il debutto per il Presepe Vivente di Tarquinia, edizione 2016, è positivo: solo nella giornata di Santo Stefano, tradizionalmente quella inaugurale, la rivisitazione della Natività nella città etrusca ha visto l’ingresso di circa 2.600 attestandosi sui già altissimi livelli della passate edizioni e confermando l’appuntamento come uno dei punti di forza della programmazione degli eventi tarquiniesi.

Per i visitatori, un tuffo nel passato, in una Tarquinia che si trasforma per una notte in Betlemme, tra mercanti, centurioni, mendicanti e tante altre figure. Il tutto immerso in uno scenario inedito, quello del convento della Chiesa di San Francesco, spazio mai visitato anche da molti tarquiniesi che con curiosità hanno ammirato il nuovo scenario. “Siamo molti soddisfatti di come sia andata questa prima data – fanno sapere dall’organizzazione – La nuova location ha conquistato i moltissimi visitatori che non si immaginavo di poter trovare un angolo del genere all’interno del Convento francescano.

Ora siamo pronti per le due date del Primo e del 6 gennaio per le quali abbiamo già pensato ad alcuni cambiamenti per rendere la visita ancor più fluida e spettacolare. Ringraziamo ancora una volta tutti i volontari e tutte le persone che hanno permesso che il tutto si svolgesse nel migliore dei modi, oltre ovviamente ai Frati francescani dell’Immacolata che ci stanno ospitando con grande disponibilità ed affetto”.
Ad inaugurare l’edizione 2016, insieme agli organizzatori, il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, l’assessore Sandro Celli, il parroco di San Giovanni Don Augusto Baldini ed una rappresentanza dei Frati francescani dell’Immacolata, oltre alle Forze dell’Ordine.

Per tutte le info è possibile seguire la pagine “Facebook” ed “Instagram” di “Presepe Vivente Tarquinia”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email