VITERBO – Il 12 ottobre 2017 Immagini dal Sud del Mondo torna con la sua XXIII edizione, Transiti.
Il 2017 è stato indicato dall’ONU come Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo; è per questo che Immagini dal Sud Del Mondo nella sua XXIII edizione denominata ‘Transiti’, affronterà il tema del viaggio.

Coerentemente con la sua natura itinerante, Immagini dal Sud del Mondo si terrà a Viterbo, nella sala cinematografica del Cinema Trento e nei luoghi con cui AUCS Onlus, Associazione Universitaria per la Cooperazione e lo Sviluppo, intrattiene storici rapporti di partenariato, tra cui l’ex facoltà di Agraria dell’Università della Tuscia (Dipartimento DAFNE), i circoli ARCI di Viterbo e alcuni luoghi del Bio – Distretto della Via Amerina e delle Forre , ARCI Solidarietà Viterbo Onlus e la Casa Circondariale di Viterbo.

La rassegna si aprirà il 12 ottobre con la proiezione di “I Am Not Your Negro”, vincitore al Festival di Berlino per il miglior documentario e ha ottenuto la nomination nella stessa categoria agli Oscar 2017. Interverrà in sala il docente di cultura anglo americana dell’Università degli studi di Milano Mario Maffi, che ci introdurrà al tema del movimento per i diritti civili degli afro americani inserendolo nel più ampio contesto socio culturale degli Stati Uniti del XX secolo.

La rassegna proseguirà con la proiezione de “L’ordine delle cose” di Andrea Segre, presentato all’ultimo Festival del Cinema di Venezia. Prima della proiezione discuteremo con il regista e la giornalista Francesca Mannocchi presso lo spazio ARCI Biancovolta, della situazione prima e dopo gli accordi tra Italia e
Libia sui flussi migratori.

Le proiezioni di ISM proseguiranno fino al 14 dicembre presentando film prodotti in molti paesi del mondo, tra questi Palestina, Israele, Senegal, Marocco, Sudan, Rwanda, Francia, Tunisia, Svizzera e di molti altri cinematografi italiani.

Come ogni anno nell’ambito della rassegna sarà prodotto un documentario partecipativo con l’obiettivo di raccontare un luogo; dopo il paesaggio rurale del Bio distretto della Via Amerina e delle Forre nella XX edizione, la casa circondariale di Viterbo nella XXI, quest’anno sarà la volta del quartiere San Faustino. Saranno coinvolti nel laboratorio di produzione audiovisiva cinque studenti universitari dell’Università degli studi della Tuscia e cinque beneficiari di progetti di prima e seconda accoglienza di ARCI Solidarietà Viterbo Onlus.

Infine ISM nella sua XXIII edizione porterà le scuole di Viterbo e provincia nei cinema; verranno proiettati nelle sale per gli studenti il documentario Les Sauteurs e Sicilian Ghost Story.

Commenta con il tuo account Facebook