VITERBO – Da Proceno a Roma lungo la Via Francigena. Torna anche quest’anno l’appuntamento con #CamminainTuscia, giunto alla sua seconda edizione dopo il successo riscontrato nell’edizione sperimentale del 2016.

L’evento, in programma dal 4 all’11 ottobre, che punta a far riscoprire le bellezze e i paesaggi della Via Francigena della Tuscia, vedrà tutti coloro che intenderanno parteciparvi percorrere la bellezza di ben 120 chilometri a piedi; si potrà in ogni caso partecipare anche solo per singole tappe giornaliere.

“Come Camera di Commercio – afferma il presidente Domenico Merlani – vogliamo provare a rilanciare questo tracciato così importante, attraverso la riscoperta non solo dell’antico itinerario ma anche delle bellezze artistiche, architettoniche, artigianali ed enogastronomiche che lo contraddistinguono”.

Tra le conferme la partecipazione delle guide turistiche e del CAI – Club Alpino Italiano, che provvederà a fornire i dovuti servizi di assistenza e supporto ai pellegrini. Il gruppo verrà inoltre scortato dai cavalieri della Federazione Italiana del Turismo Equestre Trec di Viterbo, guidata dal segretario Marco Lenci.

I percorsi, adatti anche ai meno allenati, vedranno la presenza di postazioni ristoro per la fornitura di acqua. “Ad ogni partecipante inoltre – aggiunge il segretario della Camera di Commercio di Viterbo, Francesco Monzillo – verrà consegnato un kit costituito da un cappellino, supporti informativi e altri gadget. Per le pratiche di iscrizione si potrà consultare il sito www.tusciawelcome.it”.

Piccoli eventi di accoglienza e visite guidate sono previsti invece all’arrivo in ogni comune. A Proceno ad esempio, come spiegato dal consigliere comunale Valerio Rossi, verrà visitato il castello, mentre a Viterbo, come annunciato dall’assessore allo sviluppo economico Sonia Perà, ci sarà la visita al Museo Civico, al centro storico e al Palazzo dei Papi.

Alessandro Selbmann, presidente del Club Alpino Italiano di Viterbo, ha invece illustrato le attività svolte dalla propria associazione nell’ambito di questa manifestazione, ovvero, la manutenzione relativa alla segnaletica del percorso, con annessa installazione di nuovi segnavia, e la guida del gruppo lungo le varie tappe.

Insomma, sette giorni a piedi attraversando da nord a sud la Tuscia, prima di imbarcarsi su un pullman per il trasferimento in piazza San Pietro a Roma per l’udienza papale del mercoledì e ritirare l’ambito Testimonium.

Queste le tappe di questa edizione della Francigena della Tuscia:

Mercoledì 4 ottobre: Proceno-Acquapendente
Giovedì 5 ottobre: Acquapendente-Bolsena (sosta intermedia a San Lorenzo Nuovo)
Venerdì 6 ottobre: Bolsena-Montefiascone
Sabato 7 ottobre: Montefiascone-Viterbo
Domenica 8 ottobre: Viterbo-Vetralla
Lunedi 9 ottobre: Vetralla-Sutri nel pomeriggio (sosta intermedia a Capranica)
Martedì 10 ottobre: Sutri-Monterosi
Mercoledì 11 ottobre: Monterosi-Roma (transfer in pullman) e partecipazione dei viandanti all’udienza di Papa Francesco in piazza San Pietro.

Il costo per l’iscrizione varierà in base alle tappe: per la prima sarà di 5 euro, mentre per le tappe seguenti si salirà a 3 euro. 10 euro, invece, per il viaggio finale di andata e ritorno a Roma.

I giovani sotto i 14 anni usufruiranno dell’iscrizione gratuita.

Massimiliano Chindemi

Il segnavia della Francigena
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email