Don Pedro

VITERBO – “Domenica 8 Aprile, nel contesto delle celebrazioni costantiniane per il tricentenario della bolla “Militantis Ecclesiae” da parte di Papa Clemente XI,S.A.R.il Principe don Pedro di Borbone-Due Sicilie e Orléans, Capo della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie e Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, visiterà in forma ufficiale Viterbo e Caprarola.

Al suo arrivo nel territorio viterbese, Sua Altezza Reale riceverà il primo saluto di benvenuto da parte del Sindaco di Orte, Avv. Angelo Giuliani,anche in segno di riconoscenza per l’attività svolta dai Cavalieri e Volontari costantiniani in favore delle persone più svantaggiate.

Nel Capoluogo, il Gran Maestro–accompagnato da numerosi Cavalieri Costantiniani, convenuti pure dalla Spagna-assisterà alle ore 10 ad una solenne santa Messa prelatizia nella chiesa della SS. Trinità, con la partecipazione di Autorità civili e militari e Rappresentanze degli Ordini di Malta e del Santo Sepolcro.

Al termine del rito, Don Pedro di Borbone presenzierà alla benedizione della Cappella Costantiniana dove è venerato l’artistico Crocifisso ligneo del sec. XVI, restaurato recentemente a cura della Delegazione della Tuscia e Sabina dell’Ordine Costantiniano.

Per l’occasione verrà pure inaugurata la lapide commemorativa dell’evento.

Dopo una breve visita al monumentale chiostro del convento della Trinità,il Principe raggiungerà Caprarola per visitare con il suo seguito Palazzo Farnese, appartenuto fino alla metà del secolo scorso alla Real Casa Delle Due Sicilie.

Il Sindaco di Caprarola, Eugenio Stelliferi,conferirà quindi a Don Pedro la cittadinanza onoraria in riconoscimento dei vincoli storici tra la cittadina e la famiglia Farnese prima, e la dinastia borbonica poi.

Da parte sua, il Principe decorerà il gonfalone del Comune con la Medaglia di Benemerenza d’Oro dell’Ordine Costantiniano.

Il Principe visiterà infine la chiesa di Santa Teresa, tuttora giuspatronato della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie”.

Avv. Roberto Saccarello

Commenta con il tuo account Facebook