VITORCHIANO – Si è svolta il 25 marzo a Vitorchiano la cerimonia di intitolazione dell’area camper, presso il belvedere del Moai, a Padre Ettore Salimbeni, nel decennale dalla scomparsa. Alla cerimonia hanno partecipato le autorità civili ed è stata seguita da una cerimonia religiosa.

“Abbiamo deciso di ricordare questo concittadino – ha detto il sindaco Ruggero Grassotti – missionario in Perù, che molto ha fatto per i bisognosi, a sua perenne memoria in un luogo cui si arriva percorrendo la strada dove, quando era a Vitorchiano, viveva; un luogo da cui si scorge il borgo che egli ha tanto amato e che ricorda altresì, attraverso il Moai, la regione del mondo in cui ha svolto la sua funzione di sacerdote, l’America latina”.

Questo luogo è stato scelto non casualmente, rappresenta infatti uno dei luoghi da sempre frequentati da Padre Ettore perchè sulla sua strada di casa, ma è anche un posto unico perchè solo da qui si può godere di una delle più splendidi vedute sul borgo di Vitorchiano dal quale si può cogliere la vera anima del nostro piccolo grande paese.

La figura di Padre Ettore, le sue opere, la sua energia rimarranno in modo indelebile impressi nella memoria di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo e da oggi saranno una memoria incancellabile per la comunità di Vitorchiano.

Da oggi Padre Ettore Salimbeni ha un luogo da dove continuare la sua missione, chiunque godrà di questo paesaggio affacciandosi da questa rupe non potrà fare a meno, che ricordare la vita di quest’uomo spesa a favore degli ultimi sempre impegnato portare la speranza in ogni suo incontro. La decisione della giunta di intitolare l’area a Padre Ettore Salimbeni era stata annunciata in consiglio comunale lo scorso 10 marzo.