SORIANO NEL CIMINO – Il 26 dicembre si è tornati indietro di 2000 anni con il Presepe Vivente di Chia. In un momento storico così difficile, la rappresentazione del Presepe Vivente di Chia ha cercato di farvi trascorrere un pomeriggio sereno e di speranza, facendovi tornare indietro nel tempo nella Betlemme che ha visto la nascita di Gesù.

I tantissimi visitatori composte da intere famiglie che hanno visitato il 26 dicembre il presepe hanno fatto un percorso in un paese riportato indietro nel tempo dove hanno potuto incontrare pastori, viandanti, artigiani e personaggi della vita quotidiana dell’epoca, senza tralasciare i piacevoli punti di ristoro.

Il percorso è stato illuminato da oltre 400 fiaccole e torce romane, mentre gli oltre cento figuranti della rievocazione storica, indossavano come ogni anno costumi ideati ed interamente realizzati a mano dalle donne del Paese, il tutto per far vivere al visitatore l’atmosfera che avrebbe visto se si fosse trovato a passare oltre 2000 anni fà a Betlemme, assaporando la ricotta e formaggio fatto al momento dai pastori, i cappellacci della tradizione Chiana, le focacce pizzette cotte nel forno a legna e l’immancabile vin brulè. Il Presepe Vivente di Chia unico nel suo genere si conferma uno dei più apprezzati della provincia.

Non vi rimane che accorrere a Chia, per le prossime rappresentazioni che sono previste i giorni 1 e 6 gennaio, dalle 17:00 alle 19:00.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email