Soriano nel Cimino

Convocato, dall’Amministrazione Comunale, per il giorno venerdì 13 marzo 2020 il Consiglio Comunale: in piena emergenza COVID-19 . L’Italia si sta battendo con determinazione, con scelte difficili, ma necessarie, per comprimere il diffondersi del contagio di quello che ormai nel gergo e’ definito Coronavirus. La Lombardia e 13 province italiane sono state dichiarate zone rosse, in quarantena territoriale, estensione della zona rossa al resto dell’Italia, il Governo  e  l’istituto Superiore della Sanità profonde messaggi e raccomandazioni ad evitare, in tutto il territorio nazionale,  riunioni, meeting;  Scuole di ogni ordine e grado chiuse; Teatri e Cinema sospendono le programmazioni, i Comuni Italiani rinviano i Consigli Comunali per l’approvazione dei Bilanci; si fermano eventi sportivi,  anche  la Conferenza Episcopale Italiana e il Vescovo di Viterbo sospendono fino ad Aprile la celebrazione delle S. Messe, le celebrazioni esequiali, il conferimento delle Cresime, in un clima di grande preoccupazione  che necessita di una ferma guida da parte delle Istituzioni. E i nostri improvvisati, allegri e irresponsabili  Amministratori che fanno? Convocano un Consiglio Comunale, per altro con punti all’odg che tranquillamente potrebbero essere discussi ad aprile, fregandosene, delle raccomandazioni obbliganti del Governo, e del pericolo che un ‘Assemblea  pubblica consiliare si trasformi in uno strumento di contagio. Nella Convocazione del Presidente del Consiglio comunale,  inoltre, non troviamo nessun accenno della presenza di  Presidio medico nella sala consiliare che sovrintenda alle eventuali prescrizioni in atto. Chiediamo, con forza, come M5S di Soriano nel Cimino, il rinvio, in data da destinarsi, in osservanza del DPCM, del Consiglio Comunale , chiedendo che la salute dei cittadini cominci ad occupare, sempre,  il primo posto nei programmi della maggioranza.