Soriano nel Cimino

Niente Consiglio Comunale venerdì 13 marzo 2020. Come gli “eroici” graduati di Sturmtruppen, gli Amministratori di Soriano nel Cimino, la granitica Maggioranza di destra, hanno scoperto, oggi , lunedì 10 marzo , che in Italia siamo in trincea, e che il nemico ha un nome: Codiv-19.

Quindi, con una pec ai Consiglieri, Il Consiglio Comunale, senza darne contezza alla popolazione, forse per vergogna, – prosegue il gruppo di minoranza di Soriano nel Cimino –    e’ rimandato a data da destinarsi; come dice il proverbio: meglio sembrare sprovveduti che incapaci.

E’ imperdonabile la completa indifferenza che la Maggioranza  Menicacci mostra in questo delicato frangente; forse il più delicato da decenni a questa parte.

Il Governo predispone  decreti per il contenimento del contagio, le Regioni ne completano l’attuazione, i Sindaci dei Comuni della Provincia già  si adoperano per dare il loro contributo con varie iniziative: sanificazione  e disinfezione dei luoghi più frequentati, recapito spesa e medicinali a chi ne fa richiesta, manifesti informativi a sostegno della popolazione, numeri dedicati per assistenza domiciliare ai meno autosufficienti. E la nostra allegra Maggioranza, che fa? Nulla!

SIAMO INDIGNATI!

Denunciamo l’inerzia di questa Amministrazione da burla, che, invece di tutelare la popolazione, si nasconde da ogni impegno ed obbligo.

Invitiamo Sindaco e Giunta a prendere, almeno una volta,  con estrema serietà, il ruolo che i cittadini hanno loro affidato; con consapevolezza  e con senso di responsabilità.

Invitiamo Sindaco e Giunta a predisporre servizi di ausilio ai meno autosufficienti, dedicare aiuti per il recapito della spesa e dei medicinali, predisporre un servizio di sostegno agli anziani ed ai disabili, ed ogni altro contributo e richiesta che possa giungere dalla nostra comunità.

Retromarch! Diceva “il fiero alleaten Galeazzo Musolesi” in Sturmtruppen. Non vorremmo che della Maggioranza Menicacci rimanesse solo il ricordo di una “striscia” di Bonvi