24 artisti, 10 locations, 20 conferenze. Questi i numeri della seconda edizione del Festival “SorianoImmagine”, inaugurato il 13 luglio e in programma fino a domenica 28 luglio a Soriano nel Cimino.

Il Festival biennale segna ancora una volta un grande successo di pubblico e un forte interesse tra gli addetti ai lavori grazie al binomio vincente tra Archeologia e Fotografia, che permette una full immersion di cultura, arte e approfondimenti scientifici e di ricerca da parte di professionisti di entrambe le discipline.

Il percorso itinerante, che comprende oltre 200 immagini e installazioni esposte in nove diversi siti dislocati nel paese di Soriano, porta come sottotitolo “SpazioTempo, dall’istantanea Etrusca alla Nuova Frontiera Fotografica”. Fotografia e archeologia hanno quindi nuovamente dato vita a uno stimolante scambio culturale. Tante e partecipate le conferenze che hanno raccontato il territorio dei Monti Cimini dal punto di vista storico e archeologico grazie agli interventi di ricercatori e studiosi quali Stephan Steingräber, Valentino D’Arcangeli, Luciano Proietti, Eleonora Storri, Elisabetta De Minicis, Giancarlo Patura, Andrea Alessi, Francesca Ceci, Claudio Bizzarri, Paolo Binaco, Lorenzo Benini solo per citarne alcuni. Anche la fotografia, tra storia e tecnica – in particolare il FoTotempismo filo conduttore della rassegna – è stata approfondita e spiegata da Enzo Trifolelli, Gianpiero Ascoli, Piero Pagliani, Francesca Pandimiglio, Luciano Zuccaccia e Roberto Polillo.

Ma il ricco programma di incontri e conferenze non è ancora concluso. Sabato 27 e domenica 28 andranno in scena al Museo Agro Cimino di Soriano gli approfondimenti di Tiziano Gasperoni e Marco Scataglini, e a Palazzo Chigi Albani quelli di Francesco di Gennaro, Carlo Casi, Roberto Salbitani, Gabriele Rigon autore nei giorni scorsi di una partecipata Masterclass di fotografia.

L’evento è organizzato dal Centro Studi e Ricerca Fotografi della Tuscia “FoTotempismo” in collaborazione con ArcheoTuscia Onlus Sez. di Soriano nel Cimino e Cooperativa Sociale Il Camaleonte.

Gli organizzatori dell’evento tengono a ringraziare: il Sindaco, l’Assessore alla Cultura, il P.T.C.M., il Museo dell’Agro Cimino, la Confraternita della Misericordia, il Centro Anziani S. Pertini, i collaboratori e tutti coloro che hanno messo a disposizione location e competenze per la realizzazione di questa importante iniziativa.

Commenta con il tuo account Facebook