Baseball Montefiascone, il presidente Mirco MARIANELLO

I giovani giallo-verdi donano i loro giocattoli agli ospiti di una casa-famiglia

Che la solidarietà nello sport sia un fattore di successo lo dimostrano molte iniziative, e il Montefiascone baseball sta dimostrando concretamente il valore del proprio impegno sociale.

Così la società giallo-verde accompagna i ragazzi nella loro crescita non solo dal punto di vista fisico e tecnico, ma soprattutto umano. Dopo l’iniziativa dello scorso anno contro il bullismo con lo slogan “I ragazzi del baseball mettono strike –out i bulli”, durante le vacanze di Natale tutti i giovani della squadra “Under 12” hanno partecipato all’iniziativa “Privati di un giocattolo per solidarietà”, ed hanno scelto un loro giocattolo, anche più di uno, per donarlo ai bambini ospiti della casa famiglia “Acquaviva” di Monteromano.

Così un pomeriggio delle vacanze natalizie, i ragazzi, accompagnati dai tecnici e dai dirigenti, si sono recati nel comune viterbese dove, oltre a regalare numerosi giocattoli ai bambini ospiti, hanno giocato insieme a loro un pomeriggio intero, accolti festosamente con una sontuosa merenda preparata dalla Casa Famiglia.

L’iniziativa, una delle tante messe in campo dal Montefiascone Baseball, fa parte a pieno titolo del progetto di crescita dei giovani atleti, che vuole coniugare lo sport con il sociale, trasmettendo agli atleti, in questo caso ai più piccoli, il valore della solidarietà. Che poi è insito nello spirito sportivo, quando i ragazzi, in campo come squadra per disputare la partita di baseball, si aiutano e supportano a vicenda, soprattutto nei momenti più importanti dell’incontro.

Un ringraziamento particolare va alla Direzione e a tutti i componenti della Casa Famiglia “Acquaviva” di Monteromano – ha commentato il presidente Mirco MARIANELLO – che hanno permesso ai nostri ragazzi di fare questa bellissima esperienza. Voglio sottolineare come la proposta del manager Roberto Fortunati abbia trovato una partecipazione entusiasta sia dei Dirigenti che dei ragazzi e delle loro famiglie. È per me molto gratificante, in questo momento della preparazione, vedere come la società stia lavorando con impegno per obiettivi tecnici importanti come la prossima serie A2 senza trascurare gli aspetti sociali della propria attività”.