Dopo sei mesi dall’ultima partita giocata, la Stella Azzurra Viterbo ritrova sia pure in un incontro amichevole, la prima avversaria, per incominciare a cogliere sensazioni ormai troppo lontane nel tempo.

In una partita di allenamento disputatosi ieri sera al PalaMalè, è stato l’Orvieto Basket a testare il ritorno in campo dei biancostellati reduci dalle prime tre settimane di preparazione.

Un buon test che ha visto gli umbri, un buon team, giovane ma impreziosito quest’anno da giocatori esperti e di assoluto valore come Fabio Marcante e Valerio Abet, disputare quattro tempi regolari contro una Ortoetruria anch’essa con molti giovani, priva precauzionalmente di Price e Navarra e con Frisari entrato solo negli ultimi minuti perchè ancora in fase di recupero da un problema alla caviglia.

Ancora parecchia ruggine nelle gambe e negli automatismi dei giocatori in campo, ovviamente giustificata dal lunghissimo forzoso stop, ma al di là del risultato Fanciullo ha potuto ricavare già qualche buona indicazione, soprattutto dalla batteria degli under che ha schierato con buoni minutaggi e che ha dimostrato di avere giuste potenzialità per poter contribuire validamente anche agli impegni della prima squadra.

Una prima uscita interessante che è servita a ritrovare sia pure extra campionato, un clima agonistico, utile per ritornare mentalmente a quella concentrazione tipica della gara.

Lo scrimmage di ieri è stato l’apertura di una serie di altre amichevoli che si disputeranno nel mese di ottobre, le prime delle quali vedranno i viterbesi incontrare Frassati e Matelica nei prossimi due fine settimana, per poi proseguire con almeno altre due partite, in attesa delle decisioni di FIP ed Istituzioni in ordine alla possibile apertura al pubblico degli impianti sportivi.