Nella foto da sinistra a destra in piedi: Coach Brunetti, Presidente Catalani, Pettirossi, Balestro Milani, Trotto, Cima, Giachini, Graziotti, Liciani. Seduti: Casella, Porrone, Rossi, Isidori, Baliva, Matteucci.

La scorsa settimana i Soriano Virus di coach Brunetti hanno mantenuto le promesse e i favori del pronostico sconfiggendo sul proprio parquet l’Orvieto Basket, con una prova di maturità per nulla facile. Sì, perché per lunghi tratti della partita i laziali hanno dovuto accontentarsi di lottare per restare attaccati al treno della partita, mentre gli umbri sembravano gestire il match arrivando anche sul +10. La stanchezza e le rotazioni più corte sono però risultate fatali per coach Abet e i suoi ragazzi e con un parziale nel secondo tempo i Virus sono riusciti a rimettere la testa avanti, ciononostante continuando a sudare e faticare su ogni pallone, fino alla sirena finale, accolta come un bicchiere d’acqua ghiacciata in un giorno di solleone, per il 73-65 finale.

Sugli scudi il solito Rossi, che, anche se meno preciso del solito dalla distanza, riesce a segnare quelli decisivi; l’irrinunciabile Baliva, autore di una partita di qualità e quantità, sempre pronto a fare quello di cui la squadra ha bisogno, con punti, ma anche assist e giocate difensive; il caparbio Milani, presenza fissa sotto ai tabelloni e spauracchio per i malcapitati avversari di turno. Ma nel basket come nella vita, spesso la somma dei singoli non fa il totale, c’è sempre uno scarto imponderabile ed incalcolabile che rende un insieme di persone una squadra. Quindi anche citando le prestazioni dell’ottimo Giachini, alla prima con i Virus, piovra dai rimbalzi facili e non solo; o quella di un sempre stupefacente Balestro, attaccante di striscia se ce n’è uno, che magari dorme vigile per gran parte della partita ma in pochi minuti poi la decide; o ancora come non parlare dell’esplosività di un Pettirossi tirato a lucido o dello strapotere fisico di un Matteucci sempre positivo… potremmo andare avanti ancora per molto, ma come detto la somma delle parti non spiegherà mai il totale!

Ora non è certo il tempo di celebrazioni, la prima vittoria è stata archiviata velocemente, non senza aver prima analizzato le cose che non hanno funzionato, ma il campionato è appena cominciato e subito i Soriano Virus si imbattono in una trasferta tra le più difficili e calde della stagione: sabato 26 ottobre i ragazzi dei cimini saranno nel catino di Bastia Umbra, contro una delle formazioni più temibili del campionato, la quale però nella scorsa stagione non ha fatto altro che rimediare due sonore batoste tra andata e ritorno proprio contro i nostri Virus. Non resta che aspettare poche ore per sapere come andrà il terzo capitolo di questa accesa rivalità. Prossimo appuntamento casalingo invece domenica 3 novembre ore 17.00 contro i campioni in carica dei Leoni Altotevere.

SORIANO VIRUS

Balestro 8, Baliva 14, Casella 2, Cima 2, Giachini 6, Isidori, Matteucci 11, Milani 11, Pettirossi 4, Porrone, Rossi 13, Trotto 2. All. C. Brunetti