Certo è che in questa prima fase di stagione la Stella Azzurra-Ortoetruria non può dire di essere particolarmente fortunata. Opposta domenica al PalaMalè al San Paolo Ostiense, seconda in classifica con un ruolino di otto gare vinte consecutive, la squadra biancostellata ha lasciato i due punti all’avversaria in maniera veramente incredibile. Partita bella ed emozionante, con punteggio sempre in bilico dalla palla a due alla sirena finale, con le difese che hanno prevalso sugli attacchi e con il solito Miscione in grande serata, autore di uno score personale di 33 punti. La Stella ha avuto anche un paio di momenti in cui ha raggiunto il massimo vantaggio sul +7, ma è mancato il colpo decisivo per mantenere inalterato il break e conservarlo fino alla fine. I romani invece hanno avuto la capacità di giocare una gara attenta e sempre sulla stessa intensità, senza picchi particolari, ma con una continuità che alla fine ha pagato perchè pochissimo ha concesso ai viterbesi. Ma la Stella ha purtroppo tantissimo, troppo, da autorecriminare per aver letteralmente gettato al vento la possibilità di battere il team attualmente più in forma del campionato a causa di due errori verificatisi quasi allo scadere della gara. A 20” dalla fine infatti un contropiede tra Napolitano e Provvidenza, ha portato invece che al canestro del sorpasso, alla perdita del pallone. Ma ancora più grave è stato l’errore che a 6” dall’ultima sirena, dopo aver riconquistato il possesso per infrazione sulla rimessa dei romani e dopo il timeout chiamato da Fanciullo per disegnare l’ultimo tiro, l’incomprensione tra Napolitano che doveva ricevere la palla e di Gennaro che doveva passargliela ha portato allo scorrere inutile dei 5” con conseguente perdita della palla. Allo scadere amarezza, delusione e tanta rabbia erano ben visibili su tutti coloro che all’interno del PalaMalè rappresentavano e sostenevano i colori viterbesi. Una sconfitta che brucia, soprattutto perchè la Stella aveva giocato una buona partita contro un’avversaria di eccellente livello ed aveva, ancora una volta, vanificato ogni sforzo profuso per banalità troppo spesso ricorrenti nelle proprie fila.
Ma non c’è tempo per pensare ancora all’ultima partita, perché mercoledì sera si torna in campo alle 20,00 al PalaMalè per l’anticipo con Fondi. Una gara in cui sarà purtroppo assente Toselli, vittima di un infortunio al ginocchio che sembra serio e che dovrà essere attentamente valutato in relazione ai possibili tempi di recupero. La brutta, ennesima tegola che quest’anno si abbatte sull’Ortoetruria, che comunque dovrà necessariamente cercare il risultato pieno in una partita in cui non potranno esserci nè alibi, né scusanti per nessuno e nella quale non si potrà in alcun modo sbagliare più.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email