VITERBO – Si è disputata il 19 Marzo 2017 la terza gara Provinciale di bocce “ specialità Individuale”, del calendario Provinciale del Comitato di Viterbo.

La manifestazione, denominata 4^ gara dell’Amicizia,organizzata dalla Bocciofila di Ladispoli, in collaborazione con il Comitato FIB di Viterbo, ha registrato la partecipazione di 112 atleti provenienti dalla Regione Toscana, Umbria e dai Comitati regionali del Lazio.

La gara si e svolta in 14 gironi preliminari, disputati in altrettanti bocciodromi affiliati. Gli atleti hanno disputato incontri di buon livello tecnico e non sono mancate le sorprese con la debacle di giocatori molto quotati che ambivano alla vittoria finale. Le fasi per accedere alle finali si sono disputate nel bocciodromo di Ceri, per la cat.A e B e presso la Bocciofila organizzatrice, per la cat.C. Ottimi incontri nella seconda fase hanno registrato ancora sorprese e atleti meno quotati hanno superato quelli favoriti per le semifinali.
Direttore di gara Franco Ponziani; commissario di campo Giuseppe Nardo; arbitri di partita, Codognola e Quinti del Comitato viterbese. Hanno presenziato alla manifestazione, Galliano Deangelis,Presidente del Comitato di Viterbo, diversi dirigenti delle bocciofile affiliate e tanti appassionati dello Sport delle bocce.

Classifica:

1° Walter Puccini (cat.C) della bocciofila di Orbetello;
2°Franco Besuzzo (cat.A) della bocciofila di Orbetello;
3°Giuseppe Lo Verde(cat.B) della bocciofila Viterbese;
4°Maurizio Pettaccio (cat.C) della bocciofila Selva Candida.

Una bella affermazione per la bocciofila di Orbetello che ritorna ad aggiudicarsi una gara con l’atleta Puccini impreziosita dal secondo posto dell’atleta Besuzzo.
Ottima la performance di Giuseppe Lo Verde della bocciofila Viterbese che, nella seconda fase, supera sui campi di casa Ugo Blasi e accede alla semifinale che perde di misura con il giocatore Besuzzo.

Prossima gara il 26 p.v. organizzata dalla bocciofila Viterbese e dalla famiglia Lucaccioni. Una gara Individuale a settori con un super montepremi.

 

Commenta con il tuo account Facebook