ORTE – Vola in semifinale di Coppa Italia La Cascina Orte del patron Massimiliano Brugnoletti. A Villorba infatti i biancorossi, al termine di una gara emozionante, combattuta ed equilibrata, superano ai calci di rigore la Carlisport Cogianco entrando tra le prime 4 compagini della manifestazione. 8-7 dopo i calci di rigore il punteggio finale della partita con la parata di Bragaglia sull’ex Everton “Batata” a fare la differenza.

 

Dopo una prima fase di studio a sbloccare la sfida era il bomber biancorosso Conrado Sampaio che dall’interno dell’area batteva con un tocco intelligente De Bella. Il gol ortano provocava la reazione dei romani che al 14′ avevano la grande occasione di pareggiare grazie ad un calcio di rigore, molto dubbio, fischiato per fallo di Juanpe su Texeira. Sul dischetto si presentava Ippoliti ma Bragaglia era super e deviava sulla traversa la palla. Al 16′ arrivava però il pari. Fallo numero 6 ad opera di Egea e tiro libero per la Cogianco con Borsato che questa volta non lascia scampo al portiere ortano. Pari che resisteva però solo due minuti perché al 18′ un grande gol di Sampaio permetteva a La Cascina di andare al riposo avanti 2-1. La ripresa si apriva con i romani più intraprendenti e gli ortani troppo sulla difensiva tanto che dopo una prima fase senza occasioni, la Cogianco in 5′ batteva tre colpi ribaltando completamente il risultato grazie a Lucas e alla doppietta di Texeira. Sotto di due reti e con 9′ da giocare mister Diaz inseriva il portiere di movimento (mai più tolto fino alla sirena) e di fatto con questa mossa faceva sua la partita.

 

Da lì al termine del match infatti era solo un monologo dell’Orte che tornava in gara con Scandolara, subiva il 5-3 di Paulinho, accorciava nuovamente con Juanpe e, a 1’30” dalla fine, impattava definitivamente con Scandolara. Si andava quindi ai rigori con i gol di Egea, Sampaio e Scandolara che sancivano il passaggio del turno.

 

A fine gara a parlare del match è Edoardo Bragaglia: “Sapevamo che sarebbe stata una gara difficile è così è stato. Loro sono una squadra molto forte ed inoltre hanno una rosa molto ampia che gli consentiva una rotazione frequente. Noi onestamente non siamo riusciti ad esibire il nostro solito gioco ma abbiamo sicuramente dimostrato di essere una squadra vera e con gli attributi, un gruppo che non molla mai. La rigore decisivo? Inutile nascondere che vincere grazie a un rigore parato è una meravigliosa sensazione. Ora però riposo e concentrazione, sabato c’è una nuova battaglia da affrontare e vincere per andare in finale”.

 

Capitan Vendrame e compagni torneranno in campo questo pomeriggio (ore 17:30) per la semifinale che li vedrà affrontare il Futsal Isola di mister “Ciccio” Angelini.

Commenta con il tuo account Facebook