Dopo il successo di Coppa il Monterosi Fc bissa anche nell’esordio in campionato. Il big match della prima giornata del girone E di serie D ha premiato gli undici di mister D’Antoni che piegano il Follonica Gavorrano grazie ad una rete di Manuel Angelilli bravo ad incornare di testa un angolo di Buono al 26’. Monterosi che sarebbe potuta passare in vantaggio una decina di minuti prima col rigore fallito da Jacopo Sciamanna.
Costantini e soci sono bravi poi a proteggere il risultato ed a portare a casa i primi tre punti della stagione.
Sorridente in sala stampa il tecnico David D’Antoni che analizza così il primo successo in campionato dei suoi: “E’ stata una partita dura, sapevamo che il Gavorrano era una squadra di livello, organizzata con grande qualità in avanti. Soprattutto nei primi 60’ abbiamo fatto grande partita, poi ci siamo abbassati troppo, merito anche dell’avversario. Mi è piaciuto lo spirito e la compattezza dei miei ragazzi. La difesa solida arma vincente? Quello che stiamo dimostrando adesso è fare bene sotto questo punto di vista con gli attaccanti che ci danno una grossa mano in fase difensiva. Non dobbiamo fare l’errore di accontentarci, dobbiamo migliorare e magari chiudere la partita in alcune fasi della gara”.
Dopo un mese e mezzo di lavoro il Monterosi sembra aver acquisito già una sua identità ma per il tecnico c’è ancora tanta strada da fare: “L’identità è qualcosa che dobbiamo costruire durante l’anno. Sicuramente la strada è quella giusta. Dobbiamo lavorare su quello che diventeremo. Ci saranno tanti passaggi in una stagione ma la cosa che non deve mancare è lo spirito e la determinazione di gruppo”.
Nella ripresa il tecnico del Monterosi Fc ha dato spazio a due nuove risorse come Simoncelli e Marianeschi: “Sono due giocatori importanti che ci danno delle soluzioni in più. Simoncelli ha grandi qualità, deve acquisire un po’ di minutaggio perché è stato fermo nel finale della scorsa stagione. Marianeschi è un giocatore che ha caratteristiche che non avevamo in mezzo al campo. Per stare a certi livelli bisogna avere più soluzioni e soprattutto mettere competizione all’interno della rosa. Avremo bisogno di tutti  – chiude mister D’Antoni – in una stagione lunga come quella che ci aspetta”.