MONTEFIASCONE – La prima squadra del A.S.D. Montefiascone Calcio va avanti nella sua preparazione con una seduta quotidiana sul manto verde dello Stadio delle Fontanelle, nel contesto abbiamo avvicinato il nuovo mister, E. Centaro, per uno scambio di opinioni.


Mister Centaro, una nuova stagione, una nuova avventura!

Ha detto proprio bene, una nuova avventura in una nuova stagione. Abbiamo una prima squadra, che militerà nel campionato di Promozione sotto la mia guida, costituita da tutti ragazzi che vengono dal vivaio della nostra Iuniores, quindi inizia una nuova era per la Società. Valorizzare gli ementi già avviati nel gioco da altri tecnici senza cercare elementi esterni che poi si rivelano non così tanto attaccati alla maglia. Un anno, nel quale non vogliamo strafare, anche se non rinunciamo a mirare in alto, ma vogliamo mettere solide basi per essere determinanti nel medesimo campionato e poterlo vincere nel giro dei prossimi due tre anni.

La risposta dei ragazzi?

In considerazione che abbiamo tutti giovani, ed il giovane, tutti sappiano, che l’entusiasmo, la voglia di far bene, il desiderio di affermarsi lo ha nel suo dna, cercano di dare il meglio di se stessi; sono molto presenti e vogliosi di imparare schemi, tattica ed anche un pizzico di furbizia per raggiungere gli obiettivi che nutrono in cuore. Sono ragazzi meravigliosi che stanno dimostrando di non disdegnare il sacrificio ne di arrendersi di fronte agli ostacoli. Tra loro mi pare ci sia molta amicizia e credo che questo sia un’altro elemento importante per fare gruppo, per essere squadra compatta e determinata.

Il livello di preparazione?

Abbiamo iniziato la preparazione da circa un mese, mi pare che abbiamo fatto buoni passi in avanti. Certo non si può avere ne tutto ne subito, ma mi pare che siamo sulla buona strada sia sotto il profilo della preparazione atletica individuale che sotto il profilo della preparazione tattico-tecnica collettiva. C’è ancora molto lavoro da fare ma sono convinto che, stando ai dati che ho potuto raccogliere in questo mese, ci avviamo verso gli standard migliori.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email