VITERBO – L’impianto Comunale Olindo Galli di Tivoli ha ospitato i sessantacinquesimi Campionati Italiani Libertas nei giorni di Sabato 30 Giugno e Domenica 1 Luglio.

Alla rassegna hanno partecipato oltre 1100 atleti-gara provenienti da tutta Italia.
Anche l’Atletica Vetralla era presente con 6 dei suoi atleti delle categorie Assolute.

Il primo a calcare la pista è stato Domenico Oriolesi nei 110 ostacoli Allievi (h 91cm), gara tutta in rimonta per il ragazzo al primo anno di categoria, che finirà per vincere per un centesimo al fotofinish sull’avversario pordenonese, laureandosi Campione con 16″51.

Poi è scesa in pedana Sara Tonni nel lancio del peso Allieve (3kg) che va a riprendersi il titolo già ottenuto ad Orvieto nel 2016 con la misura di 11,15cm.

Sulla stessa pedana poco dopo gareggia Luca Pistella con l’attrezzo da 7,260kg piazzandosi 7° con 8,10kg.

In pista contemporaneamente è iniziata la velocità piana, in cui per l’Atletica Vetralla ha gareggiato Alessio Pieragostini, terzo nella sua serie con il presonale di 23″55.

La giornata di domenica si è aperta con il Bronzo di Alessio Norcia nel lancio del disco Allievi. L’atleta è stato capace di migliorarsi con la misura di 27,77cm.

Domenica è anche la giornata del mezzofondo veloce, in cui sono stati impegnati gli ottocentisti vetrallesi Elisa Masci nella gara Assoluta femminile e Lorenzo Aquilani in quella Allievi.

Il terzo titolo italiano è andato ad Elisa Masci che impone il ritmo sin dai primi metri di gara e vince sull’avversaria riminese con 2’16″62.
Lorenzo Aquilani ha concluso la propria gara con una buona quinta piazza.

L’istruttrice e atleta Elisa Masci al termine della rassegna afferma:
“La nostra è un’atletica vissuta ai margini. Ci prepariamo in un angolo d’asfalto a Mazzocchio e dentro ad un bosco tra radici e rami che puliamo con la scopa di ferro prima di ogni allenamento. Ma non smettiamo mai di crederci, anche quando la fatica sembra peggiorare. Per questo quando abbiamo l’occasione di uscire da quella marginalità fatta di adattamento e creatività e otteniamo qualsiasi miglioramento è una festa collettiva. Per noi è un onore portare Vetralla sulle piste di tutta Italia. E’ onore portarla sui podi, quando i nostri avversari stentano a credere che tutto quello che facciamo lo otteniamo senza pista e pedane.”

Positivi riscontri da parte di tutto il team-tecnico Marcella Tumminello, Giovanni Tomasicchio, e del Presidente Claudio Muccio.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email