Sabato 6 aprile con inizio alle ore 10.00 si svolgerà a Viterbo, la prima delle due prove del Campionato Regionale Juniores studenti di Biliardo, la seconda giornata è prevista sabato 27 aprile. La manifestazione fortemente voluta dal presidente della FIBIS (Federazione Italiana di Biliardo Sportivo) Vito Primasso, vedrà in gara gli allievi dell’ITT Leonardo Da Vinci di Viterbo che da 4 anni portano avanti, guidati dal prof. Giuseppe Misuraca e dal tecnico federale Massimiliano Patrizi, il progetto nazionale del “Biliardo a Scuola”.

Sedici gli allievi dell’Istituto viterbese che si confronteranno nella difficile specialità dei 5 birilli, tra i quali anche i 4 studenti che lo scorso anno a giugno a Cervia hanno conquistato l’argento ai campionati Italiani studenteschi a squadre, Alessandro Pugliesi di Vignanello, Giorgio Scarponi e Cristian Vitale di Canino e Christian Feliziani di Viterbo. La formula di gara prevede la composizione di batterie di 8 giocatori, ad eliminazione diretta con partite da disputarsi ai 60 punti al meglio dei 3 set (due partite su tre). Al termine delle due prove il 1° classificato verrà eletto Campione Regionale Juniores Studenti 2018/2019, ed in base alla classifica finale ottenuta saranno assegnati i posti per la partecipazione al Campionato Italiano Juniores. I tornei previsti ad aprile serviranno anche al prof. Misuraca per decidere la composizione della squadra che quest’anno prenderà parte nuovamente in maggio ai Campionati Italiani Studenteschi previsti ancora a Cervia. Le due manifestazioni regionali saranno ospitate presso la sala del “Biliardo Club” in via Monte Nevoso a Viterbo di Dario Pasquini, 1^ categoria nazionale che da quest’anno ha messo a disposizione della scuola viterbese e dei suoi 30 ragazzi frequentanti il corso di biliardo, tutta la sua esperienza e conoscenza del gioco. L’obiettivo dell’ambizioso progetto che si svolge all’ITT di Viterbo è quello di proporre nella scuola secondaria di secondo grado, il biliardo come strumento didattico, per far avvicinare attraverso la pratica e lo studio geometrico del gioco, alle materie scientifiche (Matematica, Fisica principalmente), nel loro lato applicativo, trovando risposte ai quesiti che man mano si presentano.