VITERBO – Con 238 voti Alfredo Boldorini è entrato nel lotto dei 6 delegati assembleari effettivi spettanti al Comitato Regionale Lazio.

Le elezioni per il quadriennio olimpico 2016-2020 si sono tenute lo scorso sabato 19 Novembre presso il Grand Hotel Duca D’Este di Tivoli Terme ed hanno visto – oltre alla riconferma in blocco del consiglio direttivo guidato dal Presidente Zarelli – ottenere da parte del dirigente bassanese il pass per occupare uno dei sei posti da delegato. Compito dei delegati assembleari, ricordiamolo, sarà quello di rappresentare le 709 società regionali in ambito federale negli appuntamenti Figc nazionali e di Lega.

Piena soddisfazione è stata espressa dal neo delegato.

“Sono estremamente contento dell’esito di questa elezione – ha detto Alfredo Boldorini – soprattutto per quello che concerne il risultato del tutto inaspettato alla vigilia. Sinceramente non pensavo davvero di rientrare nei primi sei posti in quanto era una competizione a livello regionale e la lotta era veramente serrata. Non solo ma in lizza vi erano infatti dirigenti di lungo corso in ambito federale ed essere riuscito a totalizzare uno score del genere mi riempie di orgoglio. Ringrazio il presidente Zarelli per la fiducia, l’amico nonché consigliere regionale Renzo Lucarini per il sostegno, le 23 società del viterbese che hanno appoggiato la mia candidatura preliminare all’assembleare ma un doveroso ringraziamento –consentitemelo- va ai 238 presidenti delle società del Lazio che sabato mattina hanno scritto il mio nome sulla scheda elettorale. E’ stato davvero un bel momento per me. Al di là del dato meramente aritmetico l’aspetto positivo è stato avere avuto l’opportunità di dialogare, di allargare gli orizzonti calcistici, di parlare di calcio con i presidenti di alcune società di Frosinone, Latina, Rieti, Roma e ovviamente di quelli della mia provincia di residenza. E’ stata davvero una bella mattinata, uno spazio aggregativo importante, in una cornice sportiva fantastica per uno come me partito dai campetti di terra battuta.
Ricevere tanto consenso dai rappresentati delle società calcistiche laziali, dall’Eccellenza alla Terza categoria, è stato davvero gratificante. I miei sforzi per un progetto di calcio nuovo, tenuto a stretto contatto con il territorio viterbese, valorizzando i giovani del posto, per il sociale, per il fair play, per la donazione del sangue, per l’aggregazione, per le tante iniziative in campo e fuori è stato evidentemente ripagato.
Rimarrò sempre al fianco delle società, mi farò loro portavoce e mi impegnerò al massimo per questo importante e stimolante incarico”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email