CIVITA CASTELLANA – Brutta sconfitta per la Flaminia Civita Castellana. Domenica 20 settembre sul campo di Olbia i rossoblu del tecnico Pierluigi Vigna hanno subito un pesante 3-0, tornando quindi a mani vuote dalla trasferta in terra sarda.

 

Un risultato che ha deluso le aspettative della società, dei tifosi e della squadra, giunta ad Olbia con l’obiettivo di avere la meglio sull’avversario, dopo due pareggi iniziali e una sconfitta. Un risultato che comunque non rispecchia quello che i ragazzi hanno mostrato in campo, determinatezza, grinta, voglia di non mollare, e frutto anche di scelte arbitrali discutibili da parte della Flaminia.

 

È il presidente Roberto Ciappici a commentare la pesante sconfitta della squadra civitonica per mano di Olbia: “L’inizio non è stato dei migliori. Dopo dieci minuti l’arbitro ha concesso un rigore ad Olbia, poi è arrivato un gol di testa. A fine primo tempo abbiamo iniziato a giocare bene, abbiamo avuto anche un’occasione per recuperare, poi di nuovo all’inizio del secondo tempo l’arbitro ha concesso un altro rigore che per noi era inesistente. La squadra ha quindi iniziato un po’ a perdersi, ma ha lottato fino alla fine per cercare il recupero. Ora l’imperativo è rialzarsi, rimboccarsi le maniche e iniziare a camminare”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email